WELCOME AUGUST!

meno dieci.

Per autocitarmi, direttamente dal welcome august dell’anno scorso:

“Se giugno e luglio erano fortemente desiderati, agosto, non hai la minima idea di quanto ho aspettato il tuo arrivo. Tu che mi costringi alla dieta forzata dei mesi che ti precedono, tu che quando arrivi porti con te spensieratezza e libertà, tu che sei sempre legato a un biglietto aereo destinazione mare, tu che sei il mese del suo compleanno, tu che sei strettamente connesso alla mia terza casa, ai cannoli le granite le brioches e gli arancini, tu che mi fai vivere la mia famiglia allargata, tu che mi fai dimenticare lo schifo del lunedì, tu che mi fai scoprire ogni anno di più le bellezze della Sicilia, tu che mi fai svegliare ogni giorno col buonumore ma allo stesso tempo mi fai disperare quando finisci.”

Che poi, perchè dovrebbe rincuorarmi che mancano ANCORA dieci giorni al mio volo verso la libertà? Perchè devo ancora aspettare altri maledetti dieci cavolo di giorni per potermene andare in vacanza quando in realtà mi meriterei di farlo già da domani?
Perchè tutti pensano di avere il diritto di decidere se e quando puoi andartene in ferie e per di più poi farti pesare che non ci sei?
Non mi ero nemmeno svegliata col piede sbagliato oggi, ero stranamente normale e nel bel mezzo dell’organizzazione della mia settimana fatta di post-it attaccati al computer, quando poi come ogni giorno una chiamata deve rovinarmi l’umore e farmi venire la bestemmia easy. Quella seguita da mollo tutto e me ne vado a Honolulu insieme a mago Merlino.

Mentre aspetto ansiosa questo fine settimana di mare e compleanni importanti sono diventata zia per la quinta volta (anche se stavolta acquisita) dell’ennesima patatona che ha fatto disperare la mamma perchè essere incinti con questo caldo dovrebbe essere illegale. E  tutto sommato quando inizi la settimana con una nascita e un fagottino da tenere tra le braccia il mondo dovrebbe sorriderti e dovresti fotografare questa scena e mostrarla a tutti quelli che non sanno nemmeno cos’è la bellezza vera perchè-esiste-solo-lavorare.

Un’ignorantissima playlist degli Offspring, un caldo indecente e un sole che sta per arrivarmi addosso dalla finestra mi accompagnano nella stesura di questo post che in realtà sto scrivendo solo perchè non sto più nella pelle ed esigo necessariamente mostrarvi le foto che ho scattato venerdi pomeriggio in cui sfoggio contentissima un abito tovaglia che ha avuto una storia senza eguali.
Insomma, due settimane fa dopo secoli trovo finalmente un paio di sandali da tutti i giorni da sostituire a quelli che uso normalmente a un prezzo decente, stranamente c’era il mio numero per cui li prendo senza batter ciglio : tre giorni dopo li metto su tutta contenta, arrivo a lavoro dopo 10 minuti di camminata e ho mezza suola rovinata.
Stesso giorno li riporto al negozio, mi effettuano un cambio repentino MA con un altro pezzo perchè i miei sandali erano gli ultimi in negozio e gira che ti rigira dopo venti minuti a spulciare tutto, lo vedo lì tra altri mille vestiti appesi pronto a salvarmi la vita perchè altrimenti avrei fatto chiusura per scegliere qualcos’altro.
Alla fin della fiera però, credo che tutto questo sia avvenuto perchè il Karma ha deciso così tant’è che sabato ho trovato dei sandali bellissimi che non avrei potuto prendere se tutto fosse andato liscio con gli altri.

Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetDress : MerryGoRound
Shoes: Pull&Bear

COLORFUL JULY

Giornate che passano tra una playlist da spiaggia, una rottura di palle dietro l’altra, un pò d’aria di casa, un aperitivo tra colleghi, un rientro a Milano traumatico, un ordine su internet, nuove serie tv e cibo. Tanto/troppo cibo ingiustificato a solo un mese dal mare everyday, e proprio ora che mi trovo a fare due conti mi accorgo che ci vogliono ancora ventiquattro fucking giorni prima di poter salire su un aereo destinazione Sicilia e quel momento sembra non arrivare mai.
Presente quando da bambino desideri l’arrivo del Natale così fortemente per scartare i regali che non stai più nella pelle e ti svegli ogni notte con gli occhi sbarrati pensando sia quella la sera e invece no? Ecco, questa è più o meno lo specchietto della mia vita a luglio mentre aspetto le ferie. Ogni giorno mi sveglio dandomi al massimo ancora un paio di settimane di sbattimenti-lavoro-città e poi prendo il telefono e realizzo che no, manca ancora una cifra di tempo.

Come fare quindi a sopravvivere a questa catastrofe? Le opzioni sono tre, o tanto shopping o tanta pazienza -chenonho-, o tanti weekend fuori.
La prima cerchiamo di soddisfarla finchè si può, la seconda la bypassiamo e sulla terza possiamo discuterne. Sono tornata domenica da Roma dopo aver passato un fine settimana a festeggiare il primo compleanno di Ludo e non riesco ancora a capacitarmi di come si faccia a essere così belle, ingenue, cazzute e permalose a solo 24 mesi di vita.
Quando guardo crescere i miei nipoti ho uno strano senso d gioia e invidia che mi esplode nel cuore, da una parte perchè sono bellissimi e cambiano giorno dopo giorno -mentre io invecchio come se non ci fosse un domani-, dall’altra invidio così tanto la loro ingenuità e la loro innocenza che vorrei anche per un solo secondo essere nei loro panni e sentirmi libera da tutto.
Sta di fatto che lei è la pagnotta più bella del mondo e non posso ancora credere che sia già passato un anno da quando abbiamo ricevuto quel messaggio alle otto del mattino facendoci fare le peggiori corse pur di poterla guardare un attimo e ammirare la sua purezza.

Tornando ad oggi, invece, come promesso post dopo post vi mostro gli acquisti fatti con i saldi e oggi è il turno di questa carinissima maglietta di Bershka, portata a casa alla modica cifra di 7 euro, il che la rende ancora più bella nonostante mi ci possa apparecchiare sopra un pic nic, mentre pantaloncini sono un acquisto datato ma pur sempre vincente targato Zara.IMG_2142IMG_2141

“Sorriso da babba di minchia” olio su tela 2017.

WELCOME JULY!

Svegliarsi la mattina con uno strano sentore di vacanze post liceo tipo un throwback di 10 anni ma non del tutto sbagliato dato che FI-NAL-MEN-TE siamo arrivati a Luglio.
Ebbene si, dopo una settimana di tempo incerto, diluvi universali e paradossalmente anche freddo, è finalmente giunto il mese che porta sempre buone nuove.
L’arrivo dei saldi, solo 26 giorni ad Agosto, le tanto desiderate ferie, il primo compleanno della mia nipotina e il probabile arrivo di un’altra a breve, il colon irritabile.
In sostanza si, aspettando l’ispirazione per scrivere il nuovo post il mio colon ha deciso di implodere e di tirarmi fitte lancinanti e gonfiare la mia pancia a mo di palla medica, ragion per cui sabato non riuscivo a vedermi con niente addosso e per fortuna non ho provato nulla durante i miei acquisti dei saldi o non avrei comprato niente.

E a proposito di saldi! Per essere quelli estivi che di solito non mi danno mai troppe soddisfazioni, rispetto all’anno scorso ho avuto davvero piacevoli sorprese e sconti piuttosto sostanziosi. Tutto sommato il clima ha aiutato nel poter girare liberamente in centro senza sudare l’impossibile e non c’era nemmeno il mondo dentro i negozi anche se, come al solito, le persone sono indisciplinate come non mai e buttano tutto alla rinfusa ricreando in un millesimo di secondo il mercato del pesce di piazza Vittorio.
In sostanza loro fanno così, prendono e lanciano, accumulando pile di vestiti sotto occhi sgomenti e infuocati delle commesse che hanno a che fare con queste specie di persone se così si possono chiamare.

Comunque non mi sono data per vinta e visto il budget un pò limitato -prima o poi vi dirò cos’ho combinato e perchè sono super tirata- ho affrontato i miei punti fermi consapevole del fatto che avrei continuato lo shopping online sul mio fidato Asos (per la cronaca non ho ancora ordinato nulla) e con calma sono riuscita a trovare sia qualcosa che avevo già adocchiato prima dei saldi sia altre cose inaspettate che mi hanno comunque dato molte soddisfazioni. Pian piano vi mostrerò tutti i miei acquisti, per ora limitatevi a vedere il mio look di sabato, appunto, pronta a sfidare le mie concorrenti agguerrite in Vittorio Emanuele!Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 preset

T-shirt and pants: Zara
Shoes: Pull&Bear
Bag: Asos
Necklace: Bershka

Processed with VSCO with hb2 preset

“Selfone delle 5 del pomeriggio, olio su tela”

Late night shopping

d i c i a n n o v e g i o r n i a l l e f e r i e.

Quindi. E’ martedi, l’aria condizionata è obbligatoria dato il caldo mortale che è tornato prepotentemente, le punture di zanzara di sabato notte prudono ancora all’impazzata e io mi strapperei via la pelle a unghiate pur di non sentirle più, ho la home di facebook invasa da foto e video del concerto di Beyoncè che si è tenuto ieri sera a san siro, abbiamo elegantemente superato la metà di luglio indenni, sono reduce da un weekend di sole-mare e angurie e non vedo l’ora che arrivi venerdì per tornare a casa.

Ebbene si, ho il culo a moto and i really don’t care. Non ho un momento per riposarmi ma onestamente mi interessa ben poco, sfrutto tutti i giorni al massimo pur di non pensare a queste due settimane che mi costringono ancora qui ed ecco perchè ne approfitto per partire e lasciare questa città non appena possibile, cosa che sto facendo da circa un paio di mesi a questa parte. Lo scorso weekend è stato di nuovo il turno della Toscana, a casa del mio boy, che non solo è comodissima per staccare un attimo in qualsiasi mese dell’anno, ma è ancora più bello viverla d’estate quando a Milano fanno 350 gradi e lì, tra le mura del castello del borgo di Virgoletta respiri aria pulita e il fresco ti accarezza la pelle e, da non sottovalutare assolutamente, sei a massimo 3 quarti d’ora dal mare.
Inoltre da quando abbiamo iniziato ad andare sempre più spesso durante i fine settimana stiamo scoprendo tantissimi posti nei dintorni davvero interessanti e piacevoli da frequentare e ogni volta è il turno di qualcosa di nuovo. Per di più, essendo la zona della Lunigiana vicinissima al confine, si può scegliere se rimanere in Toscana o spostarsi verso la Liguria e devo dire che spesso e volentieri scegliamo la seconda opzione piuttosto che avventurarci nella zona-un-pò-troppo-piena-di-figli-di-papà di Forte e Viareggio.
Sabato sera ad esempio siamo andati a cena a Sarzana -non per la prima volta dato che è una delle mie mete vicine preferite- e dopo aver provato un ristorantino niente male (peccato per l’attesa..più di un quarto d’ora per sedersi nonostante la prenotazione e più di un’ora prima della prima portata) ci siamo incamminati per una passeggiata con l’obiettivo di digerire e appena svoltato l’angolo a sinistra chi ti trovo? Un negozio a cui puntavo da mesi e mesi e in cui sarei voluta andare ogni volta ma non ce n’era mai stata la possibilità. Si tratta di GGlamour trovato per caso su Instagram, fa parte di qella cerchi di negozi che adotttano la nuova frontiera di compravendita sul web tramite l’utilizzo di un numero telefonico con cui comunicare su uazzap e le foto sull’app più famosa.
Ho già provato questo genere di acquisti e non ne sono mai rimasta delusa (un esempio è Le Privilege, un’altra chicca da non perdersi situata in Campania nei pressi di Pompei quindi se ancora non la followate correte ai ripari e cercate subito questo piccolo shop!) ma stavolta ero così incuriosita trovandosi vicino a una delle mete ricorrenti del weekend che volevo necessariamente recarmici di persona..e neanche a farlo apposta eravamo a due passi da lui! Così non ho potuto lasciarmi sfuggire l’occasione e nonostante avessimo gia superato di un quarto d’ora abbondante la chiusura prevista, la ragazza è stata gentilissima ad averci concesso di entrare e indovinate un pò? Non ha assolutamente deluso le mie aspettative..anzi..in un quarto d’ora sono riuscita ad adocchiare tutti i pezzi vincenti, provarli e portarmeli a casa -uno dei miei migliori record- e devo dire poi che se c’è una cosa che amo più dello shopping online è senza dubbio lo shopping serale quindi sembrava tutto ancora più semplice e bello!
Comunque, se siete curiosi di vedere cosa ho comprato, per ora posso mostrarvi qualche pezzo tramite foto trovate online sui loro social, e prima o poi le indosserò per voi!
13516448_660881640732707_2769999091837488014_n

Questo meraviglioso completo monostampa composto da pantaloncino e crop shirt in un neoprene più leggero di quello che siamo abituati a vedere nei negozi stile muta subacquea. Bellissimo assieme ma molto carino anche spezzato!

Una carinissima canotta completamente ricoperta di paillettes argento opaco che mi ha conquistata non appena entrata. Super versatile, super carina sia in un outfit elegante sia in qualcosa di più easy.
Oltre a questi dei favolosi pantapalazzo di cui però non possiedo foto quindi dovrete necessariamente aspettare di vederli indosso a me!

Nel frattempo però vi mostro con orgoglio il mio look di sabato sera di cui sono mooolto soddisfatta!

Processed with VSCO with hb2 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Avrete riconosciuto i sandali che vi avevo fatto vedere in qualche post fa..indubbiamente uno dei migliori acquisti con i saldi..non c’è niente che non mi piaccia di loro!
Oltre ad essere molto comodi stanno benissimo con l’abbronzatura delle mie gambe (si, odiatemi ma sono nerissima) e danno quel tocco di colore che non guasta, soprattutto quando il resto dell’outfit è un total black ma per questa tutina non potevo scegliere nessun altro colore che le desse giustizia allo stesso modo e tralasciando il solito problema pipì che si ripete ogni volta che indosso qualsiasi tuta, vado matta anche per lei!

Sales Sales Sales!

E’ martedi e tutto va bene, è martedi e tutto va bene, amo il mio lavoro, manca un mese alle mie ferie e posso tirare un respiro di sollievo sapendo che ho tutti i weekend organizzati e indovinate un pò? Ho vinto una giornata a Gardaland l’ultimo sabato del mese! Finalmente dopo 3 anni ci torno, non vedevo l’ora e siamo riusciti a organizzarci, anche se non abbiamo ancora i biglietti ma vabbè, risolveremo in fretta.

Coooomunque nonostante non abbia molto tempo da dedicarvi causa una super huge mole di lavoro, ci tengo a mostrarvi gli acquisti fatti sabato sotto saldi. Io ve l’avevo detto che non vedevo l’ora del loro arrivo perchè avevo già adocchiato mille mila cosine nei miei store preferiti e quindi sarei stata pronta e sul pezzo a svaligiare tutto e in effetti così è stato. Peccato però che nei miei piani non erano previsti 100 gradi all’ombra, una coda infinita ai camerini (forse è per questo che non provo mai nulla?) un rischio svenimento ogni angolo e una repulsione infinita verso tutti quelli che “si possono portare massimo 6 capi” e in mano ne hanno 850 mentendo spudoratamente di fronte alle povere commesse che alle h. 14.00 erano già in preda ad un esaurimento nervoso più che giustificato.

Ed è così che nonostante il mio amore eterno per lo shopping, soprattutto quando tutto quello che hai gia puntato è scontato -e pure bene finalmente-, in 3 ore sono riuscita a fare solo quattro negozi in corso vittorio emanuele e poi mi sono arresa desiderando solamente di tornare verso casa,mangiare un gelatone, fare una doccia lunga un sogno e sdraiarmi per far tornare i miei piedi alla loro forma normale e abbandonare le pagnotte lievitate 24 ore.
Avrei in effetti altri negozi a cui far visita ma per ora mi accontento dei danari spesi sabato, soprattutto perchè non saprei proprio quando poter fare un altro giro considerando, appunto, gli impegni previsti nei prossimi fine settimana.

Ma tornando a noi! Vi mostro di seguito solo alcuni dei pezzi accaparrati sabato durante la mia folle esperienza, purtroppo con foto rubate da internet perchè non ho davvero avuto tempo di scattarli addosso a me e a questo che vedrete bisogna aggiungere due pigiamini meravigliosi di Tezenis e un paio di pezzi in più per negozio, ma per fortuna quello che volevo mostrarvi l’ho trovato eccome!

3514101091_2_2_15520083400_2_1_15520083400_2_2_15575013400_2_5_1

Premetto che non avevo bisogno di nessuno di questi prodotti a eccezione della tutina in denim che ancora non avevo, ma quando scrollando il sito di Zara ho visto quelle scarpe e quei pantaloni non ce l’ho potuta fare! Sono entrata in negozio e li ho cercati come una folle, finchè finalmente ho trovato le taglie di tutti loro. Ovviamente porterò il bermuda a vita alta che è molto più carino rispetto a come indossato in foto, e non vi dico nemmeno quanto sia bella questa salopette e quanto spaziali siano le scarpe ai piedi!

1186131203_2_3_3

Loro, le avevo viste più di un mese fa da Bershka e me ne ero follemente innamorata ma non potevo dargli i 40 euro che il cartellino segnalava quindi non appena le ho viste scontate a 25.99 ho fatto lo slalom tra le mille ragazze indecise di fronte alla scarpiera e grazie all’aiuto del buon ragazzo-commesso me le sono fatte prendere all’istante (chiaramente erano posizionate nel ripiano più alto)
Peccato che ho dovuto chiedere una doppia mano dato che il 39 non mi entrava nemmeno…

Ultima tappa H&M. Delirio di gente che si alternava tra cinesi e poppanti e in più non ero nemmeno preparata ma grazie al mio fiuto in un quarto d’ora ho fatto tutto, riuscendo a trovare anche una super offerta su alcuni cardigan adocchiati quest’inverno che non sono riuscita a prendere per via delle taglie ma ora, a 13 euro, me li sono portati a casa. Insieme a loro una t-shirt a rete, una collana e un pantalone ampio stampa azteca meraviglioso!