WONDERWOMAN JACKET

Storie di lunedì -stranamente- migliori di un venerdì.
E’ iniziata una nuova settimana, fortunatamente l’ultima di febbraio che coincide con la prima di Marzo, il mio mese.
L’arrivo della primavera, del mio compleanno, del countdown verso l’estate che si accorcia clamorosamente, dell’avvicinarsi dei weekend fuori, dei primi caldi, delle giacche di pelle che poi diventano di jeans, del rosa degli alberi in fiori, dei gelati e degli ormoni in subbuglio. Cos’altro devo aggiungere per descrivere Marzo dato che mi si illuminano gli occhi solo a pronunciarlo?

Fortuna vuole però che ogni tanto la gioia è dalla nostra parte e quindi sporadicamente le belle giornate appaiono, il sole è dei nostri e il cielo azzurro anche e io mi sveglio col sorriso a 32 denti e una voglia irrefrenabile di passare le mie giornate fuori, finchè non fa buio, a camminare vedere e fare cose. La realtà dei fatti è che questo è possibile solo in concomitanza del weekend sennò le mie uniche ore di luce le vedo al mattino, nelle pause sigaretta e a pranzo e questo è davvero uno spreco per tutti quelli che soffrono di meteorologia come me per cui faccio un appello : capi di tutte le aziende, concedeteci delle ore di libertà per assaporare quello che accade attorno a noi invece di rinchiuderci fra le mura di un ufficio!

Detto ciò, ho dovuto necessariamente approfittare della giornata di sabato e, dopo un primo episodio che mi ha fatto davvero sclerare l’impossibile, mi sono armata di pazienza e ho girato per Milano facendomi baciare dal sole e mostrando al mondo le mie nuove scarpe (che mi hanno sfasciato i mignoli, ma sono dettagli), ho camminato per le vie del centro, anche le piu nascoste, sono tornata al castello dopo secoli, ho mangiato un panzerotto buonissimo e tra tutto questo sono anche riuscita a fare un pò di foto e un pò di shopping 😀 Avevo adocchiato troppi pezzi che mi piacevano e ovviamente non ho potuto resistere alla tentazione dopo averli provati, di portarli a casa con me.
Ah, Gruppo Inditex, se non ci fossi tu!

E mentre sono qui a fantasticare su tutti i pezzi che hanno sfilato durante la settimana e a ricevere enormi complimenti sul dolce che ho fatto ieri, vi mostro gli scatti fatti sabato!
Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetimg_0828

Leather Jacket: Zara
Belt: Asos
Shoes: Asos

E-COMMERCE ADDICTED

Prendi un venerdì qualsiasi di ottobre in cui splende il sole e fuori inizia a fare un freddo atomico. Prendi questo venerdì e ringrazialo di essere finalmente arrivato perchè questa settimana sembrava interminabile, abbraccialo e cerca di amarlo anche se sai che non sarà mai bello come il prossimo in cui finalmente tornerai nella città che ti ha fatta nascere e passerai due giorni intensi a mangiare di mozzichi la tua nipotina, passare del tempo con le persone che ami e camminare tra le vie in cui sei cresciuta.

Non sono impazzita giuro! Mi sono svegliata solo un pò così, frastornata da questi continui cambiamenti climatici che mi stanno uccidendo le ossa, il naso che cola e la mente altrove.
Non sarò iperattiva come nei mesi estivi, ma per fortuna ho pur sempre qualche countdown da fare partendo dall’evento più imminente (lunedì!-ma non posso svelarvi niente-) al prossimo fine settimana appunto fino ad arrivare a quello che per ora dista di più e cioè -21, dato che fra tre settimane per la prima volta io e il mio boy ce ne andremo a Berlino! Non vedo l’ora di visitare finalmente questa meravigliosa città di cui tutti mi parlano e nonostante io sia già terrorizzata per il freddo mortale che prevedo di sentire sono elettrizzata al solo pensiero quindi se avete qualche suggerimento di negozi/ristoranti/musei/monumenti/postidanonperdereassolutamente scrivete scrivete scrivete!

Basta coi voli pindarici e torniamo con la mente al presente. Devo mostrarvi un sacco di cose ma di foto ne ho fatte pochissime quindi so già che devo rimediare, non sprecatevi a dirlo, ma per ora faccio ciò che posso!
Ricordate quando vi dissi che avevo fatto il mio primo ordine su Zalando?

Processed with VSCO with hb1 preset

Tadàà! Eccole qui le slip on che esigevo da una vita, che avevo visto da Zara e mi ero lasciata sfuggire e quando meno me l’aspettavo sono comparse di fronte ai miei occhi nella sua purezza e bellezza :D!

Comunque, devo dire che mi sono trovata davvero benissimo. Servizio super veloce ed efficente, packaging idem e qualità del prodotto ottima. Dato che però mi sentivo giusto un attimo in colpa nei confronti di Asos proprio ieri ho fatto un ordine anche da loro ma giusto perchè continuavano a mandarmi mail “tutto al 50% e non solo”, mica per altro eh :D!

Adesso però mi sento in dovere di pubblicare degli scatti fatti una settimana fa proprio qui fuori al parco da Isil  -quando ancora faceva caldo :(- in cui vi farò vedere non solo uno spolverino acquistato da Primark quando andai a Londra ma anche una borsa di cui mi sono follemente innamorata della marca Heimat – Atlantica e che trovate sul nostro sito a questo indirizzo :
http://store.wallpaper.com/travel/luggage-and-bags/%27amor%27-bag-natural-and-reed-HEAT16AMO835RED.html#q=bags&start=1

e già che è arrivata in studio per uno shooting volete che non ne ho approfittato per farci qualche scatto insieme?
Fra l’altro immagini che sul mio instagram hanno già spopolato quindi non capisco cosa stiate aspettando per correre sul mio profilo!

Processed with VSCO with a5 preset

Processed with VSCO with c1 preset

Processed with VSCO with c1 preset

Processed with VSCO with a5 preset

Shoes: Vans 
Socks: Calzedonia
T-shirt: Zara
Jacket: Primark
Trous: Primark

Welcome August!

s e i g i o r n i a l l e f e r i e.

Se giugno e luglio erano fortemente desiderati, agosto, non hai la minima idea di quanto ho aspettato il tuo arrivo. Tu che mi costringi alla dieta forzata dei mesi che ti precedono, tu che quando arrivi porti con te spensieratezza e libertà, tu che sei sempre legato a un biglietto aereo destinazione mare, tu che sei il mese del suo compleanno, tu che sei strettamente connesso alla mia terza casa, ai cannoli le granite le brioches e gli arancini, tu che mi fai vivere la mia famiglia allargata, tu che mi fai dimenticare lo schifo del lunedì, tu che mi fai scoprire ogni anno di più le bellezze della Sicilia, tu che mi fai svegliare ogni giorno col buonumore ma allo stesso tempo mi fai disperare quando finisci.
Ma ora non pensiamo alla tua fine, bensì al tuo favoloso inizio, battezzato da una disperata notte di pioggia che ha portato un cielo limpidissimo e un sole pazzesco. Questo lunedi non fa altro che migliorare se penso che non solo è il 1° giorno del mese che ho aspettato con la stessa ansia con cui vivi una gravidanza ma da anche il benvenuto all’ultima settimana di lavoro prima delle ferie che che-ve-lo-dico-a-fa-da-quanto-le-sto-aspettando.

So che sarà il mio pensiero costante per altri 6 giorni, ma ora non posso far altro che aspettare e pensare al weekend passato e in special modo a sabato che come vi avevo accennato, su richiesta esplicita sono stata gentilmente portata a Gardaland dopo 3 anni di assenza e a parte la puzza di umido che ci siamo portati dietro fino al rientro a casa, la stanchezza, il male al collo che non mi abbandona più, è stata una giornata meravigliosa! Incredibile come nonostante la paura iniziale il corpo si riempia di adrenalina durante l’attesa e il percorso effettivo della giostra e una volta sceso ti senti addosso quella carica ed energia che ti verrebbe voglia di spaccare il mondo tanto ormai hai il cuore che ti batte all’impazzata e non ti interessa, potresti rifarla altre 150 volte consecutive.
Cosa che poi effettivamente abbiamo fatto, in special modo con la nuova attrazione inaugurata l’anno scorso per i 40 anni del parco, l’ Oblivion. Già dal nome si può intuire che non stai andando incontro al massimo della tranquillità, e soprattutto è facilmente prevedibile quando passeggiando per il parco ti basta alzare la testa e vedere persone ferme per 5 secondi sui seggiolini in picchiata su una discesa totalmente verticale di un’altezza stimata di più o meno 45 metri, ma quando quei 100 km/h ti spingono verso il nulla ti senti libero, totalmente, e sticazzi che le protezioni ti stanno smontando le clavicole lo stomaco il petto le gambe e quant’altro, urli fino allo svenimento e tiri fuori tutto quello che hai.
E più o meno è così dappertutto, mentre chi è al comando delle attrazioni se ne sbatte di quello che stai pensando e preme quel pulsante che ti catapulta in picchiata ovunque, ti fa girare, rimanere a testa in giù, roteare come se stessi arrotolando gli spaghetti sulla forchetta e chi piu ne ha più ne metta. Probabilmente non provavo queste emozioni dall’ultima volta che ci avevo messo piede e ancora più sicuro non ero così stanca da quel sabato di 3 anni fa, ma presente quando si dice “ci voleva”? Ecco, ci voleva. Talmente tanto che ieri non ho aperto gli occhi prima di mezzogiorno e mezza e non vedevo l’ora, dopo mesi, di vivermi una domenica all’insegna del relax e della nullafacenza.

Vi lascio con delle foto scattate la scorsa settimana con uno degli acquisti che vi avevo già mostrato ovvero i pantaloncini acquistati da GGlamour, e dei sandali favolosi comprati online dal sito PublicDesire, brand che potete trovare anche su Asos 😉

953A7294 x953A7304 x953A7296 x953A7315 x953A7309 x

Un grazie speciale a Diana per le foto e a Paolo per avermi prestato i suoi occhiali!!

Late night shopping

d i c i a n n o v e g i o r n i a l l e f e r i e.

Quindi. E’ martedi, l’aria condizionata è obbligatoria dato il caldo mortale che è tornato prepotentemente, le punture di zanzara di sabato notte prudono ancora all’impazzata e io mi strapperei via la pelle a unghiate pur di non sentirle più, ho la home di facebook invasa da foto e video del concerto di Beyoncè che si è tenuto ieri sera a san siro, abbiamo elegantemente superato la metà di luglio indenni, sono reduce da un weekend di sole-mare e angurie e non vedo l’ora che arrivi venerdì per tornare a casa.

Ebbene si, ho il culo a moto and i really don’t care. Non ho un momento per riposarmi ma onestamente mi interessa ben poco, sfrutto tutti i giorni al massimo pur di non pensare a queste due settimane che mi costringono ancora qui ed ecco perchè ne approfitto per partire e lasciare questa città non appena possibile, cosa che sto facendo da circa un paio di mesi a questa parte. Lo scorso weekend è stato di nuovo il turno della Toscana, a casa del mio boy, che non solo è comodissima per staccare un attimo in qualsiasi mese dell’anno, ma è ancora più bello viverla d’estate quando a Milano fanno 350 gradi e lì, tra le mura del castello del borgo di Virgoletta respiri aria pulita e il fresco ti accarezza la pelle e, da non sottovalutare assolutamente, sei a massimo 3 quarti d’ora dal mare.
Inoltre da quando abbiamo iniziato ad andare sempre più spesso durante i fine settimana stiamo scoprendo tantissimi posti nei dintorni davvero interessanti e piacevoli da frequentare e ogni volta è il turno di qualcosa di nuovo. Per di più, essendo la zona della Lunigiana vicinissima al confine, si può scegliere se rimanere in Toscana o spostarsi verso la Liguria e devo dire che spesso e volentieri scegliamo la seconda opzione piuttosto che avventurarci nella zona-un-pò-troppo-piena-di-figli-di-papà di Forte e Viareggio.
Sabato sera ad esempio siamo andati a cena a Sarzana -non per la prima volta dato che è una delle mie mete vicine preferite- e dopo aver provato un ristorantino niente male (peccato per l’attesa..più di un quarto d’ora per sedersi nonostante la prenotazione e più di un’ora prima della prima portata) ci siamo incamminati per una passeggiata con l’obiettivo di digerire e appena svoltato l’angolo a sinistra chi ti trovo? Un negozio a cui puntavo da mesi e mesi e in cui sarei voluta andare ogni volta ma non ce n’era mai stata la possibilità. Si tratta di GGlamour trovato per caso su Instagram, fa parte di qella cerchi di negozi che adotttano la nuova frontiera di compravendita sul web tramite l’utilizzo di un numero telefonico con cui comunicare su uazzap e le foto sull’app più famosa.
Ho già provato questo genere di acquisti e non ne sono mai rimasta delusa (un esempio è Le Privilege, un’altra chicca da non perdersi situata in Campania nei pressi di Pompei quindi se ancora non la followate correte ai ripari e cercate subito questo piccolo shop!) ma stavolta ero così incuriosita trovandosi vicino a una delle mete ricorrenti del weekend che volevo necessariamente recarmici di persona..e neanche a farlo apposta eravamo a due passi da lui! Così non ho potuto lasciarmi sfuggire l’occasione e nonostante avessimo gia superato di un quarto d’ora abbondante la chiusura prevista, la ragazza è stata gentilissima ad averci concesso di entrare e indovinate un pò? Non ha assolutamente deluso le mie aspettative..anzi..in un quarto d’ora sono riuscita ad adocchiare tutti i pezzi vincenti, provarli e portarmeli a casa -uno dei miei migliori record- e devo dire poi che se c’è una cosa che amo più dello shopping online è senza dubbio lo shopping serale quindi sembrava tutto ancora più semplice e bello!
Comunque, se siete curiosi di vedere cosa ho comprato, per ora posso mostrarvi qualche pezzo tramite foto trovate online sui loro social, e prima o poi le indosserò per voi!
13516448_660881640732707_2769999091837488014_n

Questo meraviglioso completo monostampa composto da pantaloncino e crop shirt in un neoprene più leggero di quello che siamo abituati a vedere nei negozi stile muta subacquea. Bellissimo assieme ma molto carino anche spezzato!

Una carinissima canotta completamente ricoperta di paillettes argento opaco che mi ha conquistata non appena entrata. Super versatile, super carina sia in un outfit elegante sia in qualcosa di più easy.
Oltre a questi dei favolosi pantapalazzo di cui però non possiedo foto quindi dovrete necessariamente aspettare di vederli indosso a me!

Nel frattempo però vi mostro con orgoglio il mio look di sabato sera di cui sono mooolto soddisfatta!

Processed with VSCO with hb2 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Avrete riconosciuto i sandali che vi avevo fatto vedere in qualche post fa..indubbiamente uno dei migliori acquisti con i saldi..non c’è niente che non mi piaccia di loro!
Oltre ad essere molto comodi stanno benissimo con l’abbronzatura delle mie gambe (si, odiatemi ma sono nerissima) e danno quel tocco di colore che non guasta, soprattutto quando il resto dell’outfit è un total black ma per questa tutina non potevo scegliere nessun altro colore che le desse giustizia allo stesso modo e tralasciando il solito problema pipì che si ripete ogni volta che indosso qualsiasi tuta, vado matta anche per lei!

June/Between

Giugno passa così..tra una mattina grigia e un pomeriggio soleggiato, tra un book di sketch e uno shooting indossato, tra un magnum personalizzato e un gelato stecco, tra infiniti acquisti di biglietti di treni e organizzazioni dell’ultimo secondo, tra una serata in cui Albertino, Fargetta, Prezioso e Molella mixano nel migliore dei modi le grandi hit anni 90 -e tu salti e balli dimenandoti ma incosciente del fatto che la sera prima hai fatto uno degli allenamenti più tosti degli ultimi mesi e le tue gambe ne risentono ancora oggi- e la prima partita dell’Italia -per cui le aspettative di vincita erano piu’ basse delle mie di dimagrire prima di agosto- in cui la vittoria contro il Belgio ha unito tutti indistintamente da età sesso e razza. Tra un’attesa che ti chiedi quando finirà e una continua voglia di andare al mare ed evadere da questa città che d’estate ti soffoca ancora di più, tra film che ti fanno riflettere e colonne sonore meravigliose, tra una ciliegia e un biscotto, tra una voglia infinita di fare shopping e il trattenersi perchè manca meno di un mese ai saldi, tra il desiderio di mantenersi in linea e gli aperitivi dell’ultimo secondo in cui il carboidrato fa da padrone, tra una passeggiata alla scoperta di angoli dimenticati di Milano e compleanni tutti allo stesso giorno, tra giorni che non vedi l’ora che arrivino e altri che non vedi l’ora finiscano. Rimpiango i mesi da studentessa in cui Giugno segnava l’inizio delle vacanze e per almeno 2 mesi e mezzo non volevo saperne di nulla, in cui facevi il famoso countdown per l’ultimo giorno di scuola da passare a tirarti gavettoni -anche se poi ti arrivava addosso di tutto- e finito quello trascorrevi le giornate all’insegna della nullafacenza, del ventilatore puntato addosso, delle uscite random, della spiaggia o della piscina. Erano gli anni in cui aspettavi il Festivalbar che poi ti lasciava addosso quel doppiosenso di libertà e malinconia, in cui era un continuo rimandare ai mesi successivi.
E ora, a 27 anni, Giugno non è altro che il mese di mezzo. Quello che aspetti con ansia più o meno dal rientro delle vacanze di Natale, quello che non vedi l’ora che arrivi perchè puoi iniziare a usare finalmente in weekend in modo produttivo e non chiuso in casa, quello che porta le zanzare assassine, quello che ti levi la giacca di pelle e senza accorgertene indossi il costume, quello che ogni scusa è buona per fare un aperitivo e star fuori fino a tardi perchè di giorno lavori come uno schiavo, quello in cui l’estetista diventa la tua seconda casa perchè di roba lunga non vuoi proprio saperne, quello che ti sembra di respirare aria di libertà ma in realtà sei recluso fino al giorno delle tue ferie che sembrano lontanissime, quello che “ah, come vorrei ritornare indietro nel tempo”.
Ora, a 27 anni, Giugno fa praticamente schifo paragonato a prima, ma almeno condividi la stessa agonia con un sacco di persone, fai con loro gli stessi countdown e soprattutto passi la tua vita con una persona che tutto questo te lo fa completamente dimenticare, anche se scatta foto all’impazzata con l’asta selfie in mezzo alle colonne di domenica alle 2 di pomeriggio.

Processed with VSCO with hb2 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb2 preset“Between Napoleone and Giuseppe Verdi”, olio su tela.
Tra Piazza Vetra e le Colonne di San Lorenzo domenica pomeriggio, città completamente deserta, tatuaggi in bella vista e acquisti nuovi pure.
Crop Top: Zara (uno dei nuovi acquisti che vi dicevo, è stato amore a prima vista! Il tessuto è un cotone un pò spesso a costine, con tre linee colorate in fondo e una zip nel mezzo che lo rende ancora più speciale!)
Bermuda: Asos (ricordate il post in cui vi elencavo gli acquisti che avrei voluto fare su Asos? Si chiamava “Contrasting details”. Ecco, lui è uno dei prodotti che alla fine è entrato a far parte delle mie grinfie! L’ho dovuto purtroppo far modificare un pò dalla sarta per via della taglia che non fittava a dovere ma ora sono perfetti e bellissimi!)
Shoes: H&M (Una copia spudorata di quelli che ha lanciato Dr Martens nell’estate 2015 ma comprati l’anno scorso alla modica cifra di 20€, il che li rende ancora più belli e adatti per ogni caldo)

Around R(h)ome

Sono reduce da un weekend bellissimo, soleggiato, caldo, nella MIA città che mi ha accolto nel migliore dei modi ricordandomi di lasciare tutti i problemi e le preoccupazioni in stazione centrale senza portarli con me su Italo 9970 destinazione Napoli.
Mi aspettavo che sarebbe arrivato un mese devastante ma non a questi livelli.
In primis abbiamo dovuto salutare una delle migliori colleghe mai avute e una delle persone più splendide che abbia conosciuto e le auguro tutto il meglio <3.
Secondo poi so già che Maggio è iniziato da 9 giorni ma finirà tra un paio.
Devo rimboccarmi le maniche, organizzare le mille cose da fare, continuare il mio cambio di stagione e ogni volta che lo programmo viene fuori diluvio-freddo-pioggia, devo smettere di mangiare carne e riabituarmi alle mie insalatone, devo guardare oltre e ricordarmi che tra 11 giorni partiamo per Ibiza e devo entrare nei costumi e mostrare i frutti delle mie fatiche settimanali QUINDI, in sostanza, diamoci una regolata generale.

Come dicevo, non sarei mai voluta tornare e probabilmente anche Roma reclamava la mia presenza dal momento in cui il mio treno ha portato quasi un’ora di ritardo e sono stata costretta a passare il tempo in stazione facendo shopping, ma purtroppo anche stavolta è stato così rapido che non me ne sono nemmeno accorta. La città eterna mi ha regalato delle giornate bellissime di sole, di amiche, di famiglia e come se non fosse mai abbastanza, di compere.

Ho passato un weekend a camminare tra le strade in cui sono cresciuta, a respirare l’aria che mi ha dato da vivere per 18 anni e a rivedere le persone senza cui non posso stare. Ho mangiato gelati a profusione e trascorso la giornata di sabato a passeggiare per Ostiense scattando foto all’impazzata cercando di non farci investire/attirando sguardi curiosi dei passanti e la serata parlando della teoria dell’evoluzione concludendo con affermazioni del tipo “Darwin se sbagliava, io se non vedo non credo”. Riassumendo non ho fatto assolutamente niente di esilarante, ma la bellezza di tornare a casa è proprio questa. Esser contenti con poco, ridere per discorsi a caso con amici datati e sorridere guardando il cielo, che anche se è quello che vedi tutti i giorni, da Montagnola sembra più bello.

Vi lascio con gli scatti fatti tra via del porto fluviale e dintorni mostrandovi un outfit pieno di cose che non avete mai visto!13140797_10208276855153315_577956758_n13147747_10208276859833432_4754316945554214792_o13140999_10208276748190641_1121866751_n13152882_10208276722790006_1969989531_n13115601_10208276855233317_965179800_n

Jacket: Zara
T-shirt: Red Valentino (comprata mentre c’erano i miei qui per il mio compleanno, il tessuto è tipo felpa ma è una maglia perfetta con una stampa ad ancora che adoro <3)
Shorts: Vintage (ricordate quando ero stata all’EastMarket e avevo scritto di aver comprato due pantaloncini? Ecco, lui è uno dei due pezzi!)
Shoes: Converse limited edition (Che vi avevo scritto un paio di post fa? Che avevo in mente di comprare le converse nere e indovina indovinello quali paio stupende ho trovato? Un’edizione limitata con delle borchie/stelle applicate! Nemmeno l’avessero fatte apposta per me che amo le stelle!)

WELCOME MAY!

E’ finalmente iniziato uno dei miei mesi preferiti!
Maggio con il suo arrivo spalanca le porte ai mesi estivi, al mare, alle spiagge, alla disperazione per i kg in eccesso ma contemporaneamente alle grigliate e a grandi aperitivi all’aperto, all’acquisto dei costumi, a tutti i miei weekend fuori porta e soprattutto ai mesi peggiori per me lavorativamente parlando.

Come avevo accennato sono finalmente andata al nuovo centro commerciale ad Arese ma anticipando il tutto a sabato (per fortuna dato che ieri non solo c’era il diluvio universale ma ho passato la giornata provata dalla cena di addio al nubilato della sera prima) , per grazia divina era una giornata magnifica e lo shopping è stato ancora più bello da affrontare anche se..
Ebbene, ho da ridire anche qui. Non tanto per il centro perchè è stato fatto davvero un lavoro pazzesco per realizzarlo: la struttura è immensa, nuova, uno spazio ampissimo dove anche se c’è confusione non si rischia di ammassarsi nei corridoi, un esterno bellissimo pieno di verde e di piante esposte da Viridea, il vivaio al suo interno e giochi e spazi per bambini che fanno invidia alle giostre di Gardaland. In sostanza per loro manca solo la casa di Prezzemolo e poi credo si possano abbandonare lì tutto il giorno mentre i genitori girano per negozi senza che nemmeno se ne accorgano.
Come dicevo, il centro è davvero stupendo, pieno zeppo di negozi e di novità in Italia come Primark e H&M Home, e per la prima volta in Lombardia KFC (non vi dico nemmeno che coda c’era per due alette di pollo…la gente è pazza). Peccato però che i negozi che io amo e che frequento abitudinalmente (vedi H&M e Zara) non avessero le cose che mi sarei aspettata di trovare e che il loro lato “modaiolo” fosse abbastanza povero. Davvero una delusione per i must del pronto moda, e un grande no anche alla selezione dell’abbigliamento di Primark che, diversamente da Londra, aveva veramente poca roba figa bensì stock interi di maglie monocolore a due euro. Nonostante questo sono comunque riuscita a trovare qualcosa da acquistare tra cui un bellissimo pigiama (solo perchè costava 5 euro), un bikini, una tracollina nera, una confezione di anelli fighissima, una camicetta e un regalino che non posso svelare!
Inoltre ho finalmente trovato spille e toppe che cercavo da Bershka e mi sono innamorata delle nuove Old Skool monocolore di Vans ma per ora è stato solo amore a prima vista, si aggiungono all’infinita lista di sneaker che voglio comprare!
Una grande novità de “Il Centro” è stato però in assoluto il posto dove ci siamo fermati per pranzo. Trovato un pò per caso dal momento che tutti i fast-food e ristoranti erano pieni, sbuca tra la folla lui, Rolleat, una sorta di giapponese italianizzato in cui roll a scelta tra veg, carne e pesce fanno da padroni accompagnati da un contorno fisso di tempura di carote e zucchine. Davvero una buona alternativa a chi non va pazzo per i giappo come me! Economico e buono, ve lo consiglio spassionatamente!
Unica pecca, ho finito di digerire la tempura stamattina 😀

Vi lascio con una foto scattata sabato appunto, davanti a una pianta stupenda e dai colori meravigliosi! Non fate caso alla smorfia ma stavo per sputare il fumo appena aspirato..
Che ve ne pare dei capelli mossi? Avevo intenzione di farli da un pò per tornare a sentirmi come quando avevo 16 anni (so che non lo direste mai, ma ero una ricciolona) e finalmente sabato mattina ho avuto il tempo di usare la mia piastra a onde larghe che rilascia questo effetto spaziale!

Processed with VSCO with hb1 preset

Jacket: Zara
T-shirt: Cheap Monday
Trousers: H&M – personalizzati da me
Shoes: H&M 

Design week i don’t care

Tanto sole quanto raffreddore, la tosse che mi fa soffocare e il fuorisalone che blocca le strade della città. Resoconto da lunedi a questa parte con aggiunta di voglia di partire, di mare, di libertà e di voglia di trovare qualcosa che ti piace fare, ma ti piace davvero.
Qualcosa per cui la mattina ti svegli con il sorriso perchè non vedi l’ora di affrontare la giornata, non importa quanti scazzi potranno esserci con gli altri ma è il lavoro che ami fare. Qualcosa per cui non ti pesano le ore durante la giornata ma volano, qualcosa per cui conosci tante persone e sei fiero di ciò che fai, qualcosa per cui sai che anche se ti spacchi la schiena verrai ripagato dalle soddisfazioni che avrai.
Ma queste per ora sono solo parole, parole parole. Aspetto sempre con ansia che arrivi la botta di culo tanto desiderata ma dato che la fortuna da me non arriva mai, rimarranno sogni.
Desideri di vita a parte, si avvicinano inesorabilmente i weekend di fuoco, le settimane in cui prepari la valigia,stai fuori,rientri,il tempo di due lavatrici ed è di nuovo già ora di rifarla, e così diventa come un circolo vizioso. E’ passato un anno da quando aspettavo il rinnovo del mio contratto e mi trovavo momentaneamente disoccupata e esattamente 12 mesi fa mi trovavo nelle stesse condizioni di ora, a organizzare weekend e gite fuori porta, a sperare nella botta di culo, a promettermi che sarebbe cambiato qualcosa e invece siamo sempre qui. L’unica differenza è che ad aprile 2015 ero reduce da una gastroscopia e ora invece sono qui a consumare pacchi di fazzoletti e a scrivere su un blog, quindi tutto sommato, seppur per piccole cose, qualcosina in fondo è cambiata. E anche se aggiornare questo blog e dare a tutti l’opportunità di conoscermi non mi sta portando da nessuna parte, continuerò imperterrita perchè sono brava in quello che faccio e soprattutto vi dirò, mi piace che la gente si faccia una bella padellata di affari miei 😀

Bando alle ciance, rendiamo utile questo mercoledi che scollina la settimana e mettiamoci a produrre qualcosa, e soprattutto mettetevi qui davanti a leggere i miei scleri settimanali e a guardare che fighe questi scatti che mi ha fatto Diana -ormai assunta come fotografa personale anche se mi dice che ho quasi sempre l’espressione da serial killer ma in fondo perchè negarlo, faccio la finta seria perchè quando devo forzare un sorriso non mi piaccio, oh-

Per l’occasione di queste foto ho riesumato dall’armadio -nemmeno il mio, ma quello di Roma- una felpa acetata Adidas comprata nel lontano 2008 e indossata una volta. L’avevo accantonata e sopratutto dimenticata fino a quando, da un pò d tempo, mi è tornato l’amore per il marchio dal logo a trifoglio e quindi, voilà! come nuova in tutto il suo splendore e tamarraggine ❤
IMG_2281IMG_2303IMG_2321IMG_2328IMG_2339

T-shirt: H&M
Jeans: ASOS
Necklace: Mango
Shoes: Vans

Rising Up

Lo so sono diventata una latitante, da che son sempre qui a che non ci sono mai.

E’ stata una settimana di riscoperte e novità, di risalite e -speriamo- mai più discese, di influenze che speriamo di troncare sul nascere, di esperimenti culinari, di foto, di sole, di sorrisi e carezze, di primavera VERA, di biciclettate e litigi coi passanti, di stress causati dall’Inail (ma ora basta, li sfanculo e via), di mercatini sui navigli, di gelati, di maniche corte e tatuaggi in bella vista, di shopping online, di progetti futuri, di voglia di mare, di fiori, di risate -finalmente-, di risvegli positivi, d’amore.

E’ lunedi mattina e nonostante questo invece di aprire gli occhi col broncio e i nervi a fior di pelle mi sono svegliata piena di buoni propositi e di gioia. Si che non respiro e ho la gola in fiamme, si che questi 27 anni mi stanno portando sciagure su sciagure e si che ho già consumato un pacchetto di fazzoletti, ma siamo a metà Aprile e i colori da cui siamo circondati non fanno altro che aiutarmi ad affrontare le giornate con uno spirito in più.
Inoltre questa è la settimana del fuorisalone a Milano, la città sarà ricca di eventi, feste da ogni dove e serate spaziali ma posso affermare con certezza che non parteciperò a nessuna di queste e che è uno dei periodi che odio di più insieme alle fashion week. La storia è sempre la stessa, la città è piena di persone invasate che sfoggiano look improbabili in giro per Milano, mille foto agli eventi con prosecchi e spritz e djset anche nei cessi di casa vostra. Fortuna che questo weekend, proprio quando ci sarà il pienone di party all night long, non sarò qui ma in un’altra città incantevole.

Comunque, per chi volesse, domani sera c’è un’esposizione di Wallpaper Store, uno dei marchi che tratta la mia azienda, in via San Gregorio.
Invece se bazzicate più la zona Navigli, trovate sempre per WallpaperStore un allestimento che durerà fino al 16 Aprile nei nostri HeadQuarter in piazza Arcole 4.

Vi lascio con degli scatti fatti questo weekend around the city e prometto che proverò ad essere un pochino più sul pezzo questa settimana!

Processed with VSCO with hb1 preset

Up :
Il mio look scelto ieri per una bella passeggiata al mercato dei fiori sui navigli.
Finalmente gambe di fuori, la mia amata t-shirt Cheap Monday che vi avevo già mostrato feat gonna ecopelle a ruota, giacca jeans Levi’s Vintage e un tocco di rosa dato dalla mini bag che mi ha regalato il mio papino.
Down:
Che ce frega a noi di essere giudicati se andiamo in giro con le scarpe uguali, anzi!

Processed with VSCO with c1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with g3 preset

Ci vogliono settantadue muscoli per fare il broncio ma solo dodici per sorridere. Provaci per una volta“. (Mordecai Richler)

Thoughts and poses

Speravo che dopo 4 giorni dalla famosa agonia di cui parlavo lunedi avrei potuto annunciare con piacere di star meglio e invece, manco pe niente!
Stamattina mi sono svegliata di nuovo con quel simpatico bruciore che, che ve lo dico a fa, m’ha fatto cristonare dalle h 8.00 fino a praticamente mezz’ora fa. Vorrei capire per quale atroce motivo noi donne dobbiamo patire tutte le sofferenze del mondo perchè ancora non riesco a spiegarmelo, ma prima o poi ci sarà giustizia a questo mondo!

Comunque, scusate l’assenza durante questa settimana ma davvero tra un impegno e un altro faccio fatica a capire come siamo arrivati a venerdi ma tanto di guadagnato, prima finisce gennaio prima tiro un sospiro di sollievo 🙂 Cos’avete combinato in questi giorni?
Io martedi sono finalmente ritornata a yoga con la mia insegnante preferita e mi ha fatto molto più che bene, mi ha praticamente risollevato qualsiasi cosa! Mercoledi sera invece sono andata al cinema a vedere, alla simpaticissima cifra di 12 euro a testa, il film esclusivo realizzato sulla serie di Sherlock ovvero “L’abominevole sposa“. Che bomba! Sarà che sono un amante del telefilm e soprattutto dello Sherlock interpretato da Benedict Cumberbatch, dell’epoca vittoriana e delle storie più arzigogolate possibile, ma mi è piaciuto veramente troppo! Per di più all’inizio e alla fine hanno aggiunto dei contenuti extra in cui si intervistavano gli attori e venivano spiegate delle cose sia sulla serie sia sul film quindi davvero ve lo consiglio. Purtroppo al cinema non si trova più in quanto era in esclusiva sugli schermi solo martedì e mercoledì ma lo trovate in streaming per di più in inglese con i sub se come me siete un amante delle serietv in lingua originale.

Rispetto a quanto vi avevo detto nel post precedente e contrariamente a quanto tutti si sarebbero aspettati, nessun ordine su Asos per me. Ho controllato il mio conto e bisogna riservarsi per cose più importanti tipo un bel viaggio o qualche weekend fuori porta. Sono tre giorni che mi sveglio con una strana ed entusiasmante voglia di partire (in realtà la voglia principale è quella di tornare a Roma e rimanerci per un mese) soprattutto data anche dal fatto che fuori il sole splende alto nel cielo e pensare all’estate è un attimo, peccato però che prima di farsi un bel bagno al mare e prendere i primi strati di abbronzatura debbano passare altri 5 mesi almeno. Quindi perchè non approfittare di qualche ponte e weekend lungo tipo quello del 25 aprile per andare da qualche parte? Devo essere sincera, il mio primo pensiero è stato cercare un volo che mi portasse a Barcellona, città che adoro e che ho visitato almeno 5 volte se non di più, ma nessuna compagnia aerea ha un prezzo abbordabile nonostante lo stia cercando con mesi di anticipo. Ho provato allora con altre mete tipo Amesterdam, Berlino, Lisbona, Madrid, Siviglia e altre ancora ma sempre la stessa storia alchè mi sono detta -anche un pò rassegnata- ma perchè non esplorare la nostra meravigliosa Italia e le zone in cui non penseresti mai di andare? Ecco così che alla fine la mia scelta è ricaduta sulla zona di Siena e dintorni. Onestamente sono già stata anche lì da piccolina ma torno volentieri a fare un giro in quella che ritengo sia una delle regioni più belle in assoluto del nostro stivale.

Ma tornando ad oggi invece, finalmente è venerdi e il weekend è a un passo da noi. Stasera mi aspetta un intenso allenamento e strano ma vero non ho nemmeno troppi programmi per i due giorni che verranno..puntavo soprattutto al relax anche se conoscendomi credo sia alquanto impossibile 😀 La cosa bella del sabato e della domenica, almeno per me, non è solo dormire intensamente -fino a che quel cagaminchia di merdolo non inizia a miagolare e lamentarsi perchè ha fame- ma soprattutto poterlo fare accanto alla persona che amo e sapere che possiamo fare quelle piccole cose quotidiane come fare colazione insieme, prepararci per fare una passeggiata e condividere qualsiasi attimo. Nonostante viviamo insieme da un anno e mezzo alla fin fine il tempo che ci ritagliamo per noi due è sempre durante il fine settimana quindi questo è uno dei motivi che rende il venerdì ancora più bello per me!
Ma visto che mancano ancora tre ore piene per evadere dall’ufficio, approfitto per condividere con voi queste foto che abbiamo scattato in pausa pranzo con le mie amorevoli colleghe che non solo mi hanno fatto sentire una modella ma hanno reso questi scatti eccezionali! Vi risparmio gli scatti in cui è palese che io stia gelando, e questa è solo la prima sessione dato che lunedi ne verranno delle altre quindi spero sinceramente che il tempo sia piu clemente e che non mi faccia crepare di freddo come oggi.
Stay tuned 🙂

IMG_5088IMG_5080

Lurex Cardigan: Vivienne Westwood Red Label
Trousers: Stella McCartney
Shoes: Quanticlo

IMG_5106IMG_5112IMG_5098

Sparkling T-shirt: H&M (si, uno dei miei acquisti con i saldi)
Trousers: StellaMcCartney
Shoes: Asos (ormai le conoscete fin troppo bene! che eleganti sono a piede nudo?)

Si ringraziano:
Isil Gun : styling
Diana Trifilò : foto
Paolino : supporto morale!