Late night shopping

d i c i a n n o v e g i o r n i a l l e f e r i e.

Quindi. E’ martedi, l’aria condizionata è obbligatoria dato il caldo mortale che è tornato prepotentemente, le punture di zanzara di sabato notte prudono ancora all’impazzata e io mi strapperei via la pelle a unghiate pur di non sentirle più, ho la home di facebook invasa da foto e video del concerto di Beyoncè che si è tenuto ieri sera a san siro, abbiamo elegantemente superato la metà di luglio indenni, sono reduce da un weekend di sole-mare e angurie e non vedo l’ora che arrivi venerdì per tornare a casa.

Ebbene si, ho il culo a moto and i really don’t care. Non ho un momento per riposarmi ma onestamente mi interessa ben poco, sfrutto tutti i giorni al massimo pur di non pensare a queste due settimane che mi costringono ancora qui ed ecco perchè ne approfitto per partire e lasciare questa città non appena possibile, cosa che sto facendo da circa un paio di mesi a questa parte. Lo scorso weekend è stato di nuovo il turno della Toscana, a casa del mio boy, che non solo è comodissima per staccare un attimo in qualsiasi mese dell’anno, ma è ancora più bello viverla d’estate quando a Milano fanno 350 gradi e lì, tra le mura del castello del borgo di Virgoletta respiri aria pulita e il fresco ti accarezza la pelle e, da non sottovalutare assolutamente, sei a massimo 3 quarti d’ora dal mare.
Inoltre da quando abbiamo iniziato ad andare sempre più spesso durante i fine settimana stiamo scoprendo tantissimi posti nei dintorni davvero interessanti e piacevoli da frequentare e ogni volta è il turno di qualcosa di nuovo. Per di più, essendo la zona della Lunigiana vicinissima al confine, si può scegliere se rimanere in Toscana o spostarsi verso la Liguria e devo dire che spesso e volentieri scegliamo la seconda opzione piuttosto che avventurarci nella zona-un-pò-troppo-piena-di-figli-di-papà di Forte e Viareggio.
Sabato sera ad esempio siamo andati a cena a Sarzana -non per la prima volta dato che è una delle mie mete vicine preferite- e dopo aver provato un ristorantino niente male (peccato per l’attesa..più di un quarto d’ora per sedersi nonostante la prenotazione e più di un’ora prima della prima portata) ci siamo incamminati per una passeggiata con l’obiettivo di digerire e appena svoltato l’angolo a sinistra chi ti trovo? Un negozio a cui puntavo da mesi e mesi e in cui sarei voluta andare ogni volta ma non ce n’era mai stata la possibilità. Si tratta di GGlamour trovato per caso su Instagram, fa parte di qella cerchi di negozi che adotttano la nuova frontiera di compravendita sul web tramite l’utilizzo di un numero telefonico con cui comunicare su uazzap e le foto sull’app più famosa.
Ho già provato questo genere di acquisti e non ne sono mai rimasta delusa (un esempio è Le Privilege, un’altra chicca da non perdersi situata in Campania nei pressi di Pompei quindi se ancora non la followate correte ai ripari e cercate subito questo piccolo shop!) ma stavolta ero così incuriosita trovandosi vicino a una delle mete ricorrenti del weekend che volevo necessariamente recarmici di persona..e neanche a farlo apposta eravamo a due passi da lui! Così non ho potuto lasciarmi sfuggire l’occasione e nonostante avessimo gia superato di un quarto d’ora abbondante la chiusura prevista, la ragazza è stata gentilissima ad averci concesso di entrare e indovinate un pò? Non ha assolutamente deluso le mie aspettative..anzi..in un quarto d’ora sono riuscita ad adocchiare tutti i pezzi vincenti, provarli e portarmeli a casa -uno dei miei migliori record- e devo dire poi che se c’è una cosa che amo più dello shopping online è senza dubbio lo shopping serale quindi sembrava tutto ancora più semplice e bello!
Comunque, se siete curiosi di vedere cosa ho comprato, per ora posso mostrarvi qualche pezzo tramite foto trovate online sui loro social, e prima o poi le indosserò per voi!
13516448_660881640732707_2769999091837488014_n

Questo meraviglioso completo monostampa composto da pantaloncino e crop shirt in un neoprene più leggero di quello che siamo abituati a vedere nei negozi stile muta subacquea. Bellissimo assieme ma molto carino anche spezzato!

Una carinissima canotta completamente ricoperta di paillettes argento opaco che mi ha conquistata non appena entrata. Super versatile, super carina sia in un outfit elegante sia in qualcosa di più easy.
Oltre a questi dei favolosi pantapalazzo di cui però non possiedo foto quindi dovrete necessariamente aspettare di vederli indosso a me!

Nel frattempo però vi mostro con orgoglio il mio look di sabato sera di cui sono mooolto soddisfatta!

Processed with VSCO with hb2 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Processed with VSCO with hb1 preset

Avrete riconosciuto i sandali che vi avevo fatto vedere in qualche post fa..indubbiamente uno dei migliori acquisti con i saldi..non c’è niente che non mi piaccia di loro!
Oltre ad essere molto comodi stanno benissimo con l’abbronzatura delle mie gambe (si, odiatemi ma sono nerissima) e danno quel tocco di colore che non guasta, soprattutto quando il resto dell’outfit è un total black ma per questa tutina non potevo scegliere nessun altro colore che le desse giustizia allo stesso modo e tralasciando il solito problema pipì che si ripete ogni volta che indosso qualsiasi tuta, vado matta anche per lei!

Mercatini in SudTirol

Ebbene si! Sono sopravvissuta anche a questo weekend lungo, il freddo e il cibo non mi hanno ucciso, ho rivalutato tantissimo i paesi di montagna e non ce n’è, quando siamo in prossimità del Natale il mondo diventa un posto migliore.

Detto ciò, vi racconto il mio ponte dell’Immacolata.
Partenza sabato h. 12.00, arrivo a Siusi -dove avevamo prenotato l’albergo- h 19.30. No, non avete letto male. Sette ore e mezzo in macchina con una velocità che non superava i 10 km/h. Non avevamo ovviamente calcolato quanto panico poteva esserci in giro e così, tra mille playlist di spotify, santi tirati mentre eravamo in coda in autostrada, arriviamo nella pensione Hauenstein nel paesino di Siusi, un alberghetto molto carino in tipica location sudtirolese dove ci accoglie una simpatica donna che ricordava  a tutti gli effetti la signorina Trinciabue di “Matilda sei unica”.
Passato questo sabato particolarmente tortuoso e dopo esserci  rifocillati con una bella cena, una buona dormita e una sostanziosa colazione, finalmente è arrivato il momento dei tanto attesi mercatini di Natale!


Sembrava di essere nel paese dei balocchi, Bolzano è una cittadina semplicemente meravigliosa e nonostante il flusso infinito di gente per vedere le bancarelle in santa pace/fare delle foto decenti, è stato come essere a casa di Babbo Natale. Palline e campanelle regnavano sovrane, lavorazioni in legno, babbucce di lana, il rosso come colore dominante and least but not last..CIBO, CIBO EVERYWHERE.

IMG_5370Processed with VSCOcam with f2 presetProcessed with VSCOcam with f2 preset

Vi dico solo che ancora mi chiedo come gli stomaci delle persone siano ancora sani dopo quella giornata. Ho visto gente ingurgitare Bretzel e vin brulè ininterrottamente dalle 11 del mattino alle 5 del pomeriggio senza sosta ma sopratutto senza ritegno! Non sono qui a fare finti moralismi dato che anche io ho ovviamente ceduto alla tentazione di addentarne uno, ma come dico sempre un minimo di contegno!

Processed with VSCOcam with f2 preset

Devo dire che era particolarmente difficile resistere ai profumi che si snasavano tra un chiosco e l’altro ma sopratutto alla bellezza di questi banchetti! Erano talmente perfetti da sembrare finti!
Finiti i nostri giri a Bolzano, ci siamo spostati verso Bressanone, un altro paesino poco più in alto anch’esso addobbato a festa ma con molte meno bancarelle -molto più contenute e artigianali- tra le quali giravano carrozze con cocchieri vestiti con abiti tipicamente tirolesi e cavalli a dir poco stupendi e infatti non ho potuto non immortalarli in tutta la loro eleganza ❤

IMG_3188 copia

E’ stato davvero tutto molto bello, suggestivo e quasi surreale.
Peccato per i mercatini di Merano che puntavamo di vedere Lunedi ma per cui invece non siamo riusciti dato che purtroppo i parcheggi non contavano più posti liberi e altri 5000 cristiani come noi giravano come forsennati rimanendo incastrati tra le viette del paesino. Onestamente sono scesa dalla macchina solo per andare a comprare un bello strudel che mi ero tenuta buona per l’ultimo giorno del weekend in sudtirol e che ve lo dico a fare? DI VI NO.

Per questi due giorni ho scelto due outfit completamente diversi tra di loro. Per girare il primo giorno un total black che non sbaglia mai, per il secondo invece totalmente l’opposto. Di seguito qualche scatto 😉

1st day : Mortisia per gli amici

Processed with VSCOcam with f2 preset

IMG_3169 copia

Superscarf : Stradivarius
Bag : Gianni Chiarini
Shoes : My beloved Dr Martens platform
Coat : Unsigned
*comprato da “Bivio”, un negozio sitauato in via Mora a Milano (una delle vie più top della città -non per niente abitavo li 😀 – ) in cui si può acquistare/vendere/comprare. Una sorta di vintage shop in cui si può però trovare di tutto e sopratutto pezzi di qualità a un ottimo prezzo

2nd day: Fake teenager

IMG_3222 copia

Beanie: H&M
Scarf, Coat and Bag : gli stessi di prima 😀
Sweater: H&M
Denim: Bershka
Shoes: H&M 
Skull Necklace: Subdued

Ed ecco il primo piano di un faccione enorme (bella eh? l’ho scattata mentre eravamo giust’appunto bloccati tra le macchine a Merano) in cui però si vedono i best of del mio look: treccine, beanie e soprattutto il mio fake septum by Quanticlo. (E perchè no, anche gli interni della Clio Costume National di cui il mio ragazzo va fierissimo :D)
Tranquilli tutti, non lo farò mai data la mole gigantesca del mio naso, ma usare questo una volta ogni tanto mi diverte e sopratutto cambia il mio aspetto. Funny and easy!

Processed with VSCOcam with f2 preset
Ieri invece è stata una giornata all’insegna del relax e dello shopping tra le vie centrali di Milano nel degenero che sembrava di stare in coda al padiglione del Giappone di Expo.
Ricordate che un pò di tempo fa vi avevo accennato a dei nuovi acquisti? Non sono mai riuscita a mostrarveli fino ad’ora ma eccolo qui!  Contro ogni previsione ma soprattutto contro qualsiasi cosa io abbia mai detto, ho comprato un parka. Eh si giovani, IO, UN PARKA. L’ho comprato mentre c’erano qui i miei genitori e perfino loro mi guardavano storto mentre lo provavo ma devo dire che farci l’abitudine è stato abbastanza facile e veloce. (Tranne per il mio ragazzo che il giorno dopo mentre gli andavo incontro in strada nemmeno mi riconosceva….)
E’ caldo, è comodo, è perfetto per l’abbigliamento street, cosa posso volere di più?
Voi cosa ne pensate? Come mi sta?

Devo dire che ieri mi sono svegliata con il pensiero che avrei fatto l’albero quindi mi sono vestita proprio con i colori natalizi! Bordeaux e verde e collana piena di palline in perfetto stile Xmas tree 😀

Processed with VSCOcam with f2 preset
Parka: Zara
Necklace: H&M
T-shirt: Stradivarius
Sweater: H&M
Jeans: Cheap Monday
Shoes: Dr Martens (of course!)
Bag: Zara
Glasses: Ray-ban

See you soon :*