Sunny/Coldy/Grungy Thursday

Il tempo scorre veloce, le giornate sono dominate da un sole spaziale ma il freddo mi sta devastando qualsiasi arto io possegga, mancano due settimane alla mia partenza per Londra e strano ma vero lì le temperature sono molto più alte che qui.
Tendenzialmente non c’è nulla che non va se non il fatto che ho capito stamattina di aver terminato le mie capacità intellettive settimanali flashando dalla telecamera dello studio una persona con annessa valigia davanti al cancello mentre era solamente una pianta dentro un vaso molto grande (che per di più è sempre stata lì da due anni che lavoro qua) e che ho appena fatto una figuraccia urlando “alla faccia del cazzo” che ha rimbombato per tutto l’ufficio con annessa presenza di clienti.

In questi giorni la mia mente è in viaggio verso l’estate, prossimi viaggi e spiaggie accaldate mentre invece devo affrontare la realtà ovvero contare quanti mesi mi separano dalla prima tintarella. Ad aiutarmi in questo sono le continue mail che ricevo da Italo e Easyjet che mi invitano a esplorare luoghi ad offerte vantaggiosissime (a detta loro) che poi si rivelano un buco nell’acqua enorme perchè tanto a meno di 200 euro non ci si muove e quindi mi faccio andare bene anche Milano. Sono talmente col pepe al culo, come si direbbe a Roma, e desiderosa di partenze che perfino la decisione di dove andare domenica si sta rivelando più difficile del solito tant’è che ieri ho gentilmente lasciato la scelta al mio ragazzo che mi farà una sorpresa mettendomi in macchina e portandomi lui somewhere. Siamo vicini al weekend, quasi alla fine di uno dei mesi che odio di più al mondo e si avvicinano i giorni della merla (sicuri che non volessero chiamarli in un altro modo?) che in linea di massima dovrebbero essere le giornate più fredde dell’anno -io non posso immaginare come possa esserci più freddo di questo che già c’è fuori- e la mia volontà di arrivare all’estate senza dover affrontare mesi di digiuno prima del bikini si sta pian piano avverando! Non che io mi senti ancora fisicamente apposto, ma mi sto aiutando con una corretta alimentazione (si, tralasciamo l’hamburger di ieri), esercizio fisico a manetta (questa e la prossima settimana addirittura doppia lezione di yoga) e soprattutto alcool ridotto ai minimi storici. Già da quando non bevo più come una volta mi sento 1000 volte meglio ma sto cercando di usufruirne solo quando ho quel desiderio di qualcosa di particolare o di birra, di cui purtroppo non riesco proprio a farne a meno. In più è arrivato finalmente a casa il mio pacchetto “weight loss” che inizierò dalla prossima settimana e di cui vi parlerò sicuramente.

Vi lascio ad alcuni scatti fatti prima durante una pausa sigaretta con indosso una giacca di una ragazza che lavora con me di cui mi sono innamorata dal primo giorno in cui gliel’ho vista e che esigo di trovare uguale nel mio soggiorno britannico. Si tratta di un capospalla vintage in suede con uno degli elementi più di tendenza dell’anno cioè le frange, di cui è ricoperto -non vi dico quanto adoro quelle che pendono dalle maniche-.

Processed with VSCOcam with x1 preset

IMG_5931

Processed with VSCOcam with c1 preset

Jacket: Unsigned but vintage
Denim: Cheap Monday
Hat & Neckalce: H&M
Shoes: My beloved Doc. Martens platform (cche pesano 100 kg a piede)
E finalmente ho trovato l’anello con la mia iniziale in corsivo su sfondo nero che tanto cercavo!

Si ringraziano per gli scatti Isil e lo special guest Pinocchio!

Feeling good

Nonostante il mio stomaco abbia deciso da ieri di trasformarsi nel blu tornado di gardaland e i miei denti del jujitsu in lanciafiamme e io sia stata decisamente meglio nei giorni passati, il mio io interiore è nella sua pace dei sensi più totale.

Ho passato giornate veramente incantevoli, come vi avevo accennato, circondata da affetto amore e quant’altro e andando avanti con gli anni ho capito come non è importante quanto ricevi e quante carte stracci per Natale, ma le persone con cui lo passi.
Peccato però che sia sempre tuto così veloce, lo aspetti per un mese intero e quando meno te ne accorgi è già finito e tu hai preso in men che non si dica 6 kg in più.

Ora che passerà in uno schiocco di dita anche Capodanno e si ritorna alla solita routine dovrò trovare un nuovo countdown da affrontare, ma non preoccupatevi perchè ho già l’occasione giusta e finalmente posso rivelarla a tutti dopo averla tenuta segreta per mesi. Ho regalato alla mia mamma per Natale e per il  suo compleanno, un weekend a Londra.
Visitare la capitale inglese è un desiderio che ha sempre avuto e io come potevo non accontentarla? Mi ci trasferirei domani!
Da quando ho comprato i biglietti sono entusiasta e ora che finalmente la data si avvicina non vedo veramente l’ora di tornare in quella che considero una delle città più belle del mondo ❤

Ma tornando al presente, quanti regali avete ricevuto? Siete stati soddisfatti o avete dovuto fingere sorrisi giganti per compiacere lo sguardo di chi avevate di fronte? Io per fortuna come vi dicevo prima ho ricevuto poche cose ma buone senza il rischio di incappare in una finta paresi facciale per simulare gratitudine nei confronti di chi mi si palesava davanti e il regalo più gradito in assoluto è stato, oltre un buono di 100 euro da h&m (MICA CAZZI!), degli occhiali da sole di Prada con i quali ho avuto un colpo di fulmine non appena i nostri sguardi si sono incrociati.
Ammetto che li ho scartati il giorno dell’anniversario prima di partire per Sirmione ma sono stata autorizzata! E specialmente durante questi giorni li sto utilizzando tantissimo dato che a Roma il tempo è splendido. Ricordate la foto che vi ho mostrato nel post precedente mentre ero al parco con le mie besties? Ecco, le temperature si aggirano sempre intorno ai 15 gradi e non appena apro gli occhi vengo accecata dagli spiragli di sole che entrano tra le fessure delle tapparelle. E ieri mattina, prima di venire colpita dalla sciagura del virus intestinale, ne ho approfittato per andare a Ostia e godermi il famoso “mare d’inverno” e soprattutto per rivivere dei momenti indelebili che sono stati l’inizio della mia relazione con TE ❤

Processed with VSCOcam with c1 preset

IMG_5655[1]

Processed with VSCOcam with c1 preset

Me:
Sweater&Necklace: H&M
Denim: Bershka
Sunglasses: Prada
(Guardateli lì come risplendono belli tondi sul mio viso..non sono meravigliosi??<3 )
& finally converse on my feet, thanks Rome for your weather!

Him:
(chi stava guardando?)
Coat: H&M
Jumper: Asos
Jeans: Bershka
Shoes: Dr Martens

IMG_5654[1]

Non sono una tipa sdolcinata di solito, ma se la mia vita ha avuto un risvolto positivo è solo grazie a te, e visto che lo so che sei il mio fan N.1 e ogni volta che scrivo corri a leggere, leggi qui (anche se stai facendo di tutto per boicottarmi la sorpresa!) :  – T I A M O ❤ –

Is still Xmas?

Allora, come stanno procedendo i festeggiamenti del Natale dalle vostre parti?
Qui a casa Ruta è un pasto unico dal 24 sera..praticamente vi ho lasciato che stavo per iniziare a mangiare e vi scrivo mentre aspetto i parenti, pronti per un altro giro e un’altra corsa. Il mio somaco implora pietà ma allo stesso tempo non può fare a meno di ingerire panettone a non finire, le mie forze vitali stanno lentamente svanendo e il livello di glucosio e saccarosio presenti nel mio corpo hanno avuto un picco esponenziale da 2 giorni a questa parte ma ringrazio il cielo di essere terrona, circondata da familiari e far parte di una di quelle famiglie che hanno sempre il frigo pieno e la tavola apparecchiata.

Purtroppo non ho molto da dirvi su questi due giorni a parte manifestare la gioia di essere qui con mamma, papà, fratelli, nipoti che purtroppo abitando in poli opposti (io Milano loro Malta) non vedevo da quest’estate e sentire l’amore delle persone che mi circondano.
Ci sono vari motivi per cui amo il Natale e uno di questi è sicuramente il poter trascorrere delle giornate intere tutti insieme senza preoccupazioni se non quella di divertirsi e emanare affetto da ogni poro e da quando vivo fuori non posso assolutamente fare a meno di questi 3 giorni di full immersion in famiglia, e ogni anno che passa mi rendo conto di essere sempre più fortunata ad avervi tutti ❤

E’ giunto il momento di salutarvi e lasciarvi con qualche foto di questi giorni dato che, per l’appunto, i miei nipoti (e forse anche i carboidrati) mi reclamano!
Purtroppo per motivi logistici non posso mettere foto loro ma sono gli angioletti più belli dell’universo intero ❤

Processed with VSCOcam with c1 preset

Direttamente dalle cucine delle sorelle Gugliotta (nonchè mie cugine) uno scatto durante l’impiattamento delle loro prelibatezze preparate come antipasti per la Viglia. In foto solo tartellette miste -carciofi, zucca e mousse di cotto- ma si accompagnavano a ventagli al pesto, con marmellata di cipolle, marmellata di peperoni e cupcakes ai wurstel. Se siete di Roma e cercate un catering originale, buono e casalingo contattatele! 😀

A sinistra, gli amori della mia vita. A destra, i miei big bros in posizione bodyguard.

Processed with VSCOcam with f2 preset

Spotted: faccia di merda provata dal cibo, olio su tela.
Shirt: Pull&Bear
Skirt: Zara
Shoes: Frav

Processed with VSCOcam with g3 preset

Non le avete mai viste ma loro sono le sorelle che non ho mai avuto, le compagne di una vita insieme, le amiche che tutti vorrebbero avere.
Quelle con cui puoi fare di tutto, e con le quali anche prendere un caffè è stupendo.

By the wat, giusto per farvi capire, questa è la situazione di stamattina a Roma. Temperatura stimata 10 gradi, percepiti 16.

Ditemi voi che altro posso chiedere?

Mercatini in SudTirol

Ebbene si! Sono sopravvissuta anche a questo weekend lungo, il freddo e il cibo non mi hanno ucciso, ho rivalutato tantissimo i paesi di montagna e non ce n’è, quando siamo in prossimità del Natale il mondo diventa un posto migliore.

Detto ciò, vi racconto il mio ponte dell’Immacolata.
Partenza sabato h. 12.00, arrivo a Siusi -dove avevamo prenotato l’albergo- h 19.30. No, non avete letto male. Sette ore e mezzo in macchina con una velocità che non superava i 10 km/h. Non avevamo ovviamente calcolato quanto panico poteva esserci in giro e così, tra mille playlist di spotify, santi tirati mentre eravamo in coda in autostrada, arriviamo nella pensione Hauenstein nel paesino di Siusi, un alberghetto molto carino in tipica location sudtirolese dove ci accoglie una simpatica donna che ricordava  a tutti gli effetti la signorina Trinciabue di “Matilda sei unica”.
Passato questo sabato particolarmente tortuoso e dopo esserci  rifocillati con una bella cena, una buona dormita e una sostanziosa colazione, finalmente è arrivato il momento dei tanto attesi mercatini di Natale!


Sembrava di essere nel paese dei balocchi, Bolzano è una cittadina semplicemente meravigliosa e nonostante il flusso infinito di gente per vedere le bancarelle in santa pace/fare delle foto decenti, è stato come essere a casa di Babbo Natale. Palline e campanelle regnavano sovrane, lavorazioni in legno, babbucce di lana, il rosso come colore dominante and least but not last..CIBO, CIBO EVERYWHERE.

IMG_5370Processed with VSCOcam with f2 presetProcessed with VSCOcam with f2 preset

Vi dico solo che ancora mi chiedo come gli stomaci delle persone siano ancora sani dopo quella giornata. Ho visto gente ingurgitare Bretzel e vin brulè ininterrottamente dalle 11 del mattino alle 5 del pomeriggio senza sosta ma sopratutto senza ritegno! Non sono qui a fare finti moralismi dato che anche io ho ovviamente ceduto alla tentazione di addentarne uno, ma come dico sempre un minimo di contegno!

Processed with VSCOcam with f2 preset

Devo dire che era particolarmente difficile resistere ai profumi che si snasavano tra un chiosco e l’altro ma sopratutto alla bellezza di questi banchetti! Erano talmente perfetti da sembrare finti!
Finiti i nostri giri a Bolzano, ci siamo spostati verso Bressanone, un altro paesino poco più in alto anch’esso addobbato a festa ma con molte meno bancarelle -molto più contenute e artigianali- tra le quali giravano carrozze con cocchieri vestiti con abiti tipicamente tirolesi e cavalli a dir poco stupendi e infatti non ho potuto non immortalarli in tutta la loro eleganza ❤

IMG_3188 copia

E’ stato davvero tutto molto bello, suggestivo e quasi surreale.
Peccato per i mercatini di Merano che puntavamo di vedere Lunedi ma per cui invece non siamo riusciti dato che purtroppo i parcheggi non contavano più posti liberi e altri 5000 cristiani come noi giravano come forsennati rimanendo incastrati tra le viette del paesino. Onestamente sono scesa dalla macchina solo per andare a comprare un bello strudel che mi ero tenuta buona per l’ultimo giorno del weekend in sudtirol e che ve lo dico a fare? DI VI NO.

Per questi due giorni ho scelto due outfit completamente diversi tra di loro. Per girare il primo giorno un total black che non sbaglia mai, per il secondo invece totalmente l’opposto. Di seguito qualche scatto 😉

1st day : Mortisia per gli amici

Processed with VSCOcam with f2 preset

IMG_3169 copia

Superscarf : Stradivarius
Bag : Gianni Chiarini
Shoes : My beloved Dr Martens platform
Coat : Unsigned
*comprato da “Bivio”, un negozio sitauato in via Mora a Milano (una delle vie più top della città -non per niente abitavo li 😀 – ) in cui si può acquistare/vendere/comprare. Una sorta di vintage shop in cui si può però trovare di tutto e sopratutto pezzi di qualità a un ottimo prezzo

2nd day: Fake teenager

IMG_3222 copia

Beanie: H&M
Scarf, Coat and Bag : gli stessi di prima 😀
Sweater: H&M
Denim: Bershka
Shoes: H&M 
Skull Necklace: Subdued

Ed ecco il primo piano di un faccione enorme (bella eh? l’ho scattata mentre eravamo giust’appunto bloccati tra le macchine a Merano) in cui però si vedono i best of del mio look: treccine, beanie e soprattutto il mio fake septum by Quanticlo. (E perchè no, anche gli interni della Clio Costume National di cui il mio ragazzo va fierissimo :D)
Tranquilli tutti, non lo farò mai data la mole gigantesca del mio naso, ma usare questo una volta ogni tanto mi diverte e sopratutto cambia il mio aspetto. Funny and easy!

Processed with VSCOcam with f2 preset
Ieri invece è stata una giornata all’insegna del relax e dello shopping tra le vie centrali di Milano nel degenero che sembrava di stare in coda al padiglione del Giappone di Expo.
Ricordate che un pò di tempo fa vi avevo accennato a dei nuovi acquisti? Non sono mai riuscita a mostrarveli fino ad’ora ma eccolo qui!  Contro ogni previsione ma soprattutto contro qualsiasi cosa io abbia mai detto, ho comprato un parka. Eh si giovani, IO, UN PARKA. L’ho comprato mentre c’erano qui i miei genitori e perfino loro mi guardavano storto mentre lo provavo ma devo dire che farci l’abitudine è stato abbastanza facile e veloce. (Tranne per il mio ragazzo che il giorno dopo mentre gli andavo incontro in strada nemmeno mi riconosceva….)
E’ caldo, è comodo, è perfetto per l’abbigliamento street, cosa posso volere di più?
Voi cosa ne pensate? Come mi sta?

Devo dire che ieri mi sono svegliata con il pensiero che avrei fatto l’albero quindi mi sono vestita proprio con i colori natalizi! Bordeaux e verde e collana piena di palline in perfetto stile Xmas tree 😀

Processed with VSCOcam with f2 preset
Parka: Zara
Necklace: H&M
T-shirt: Stradivarius
Sweater: H&M
Jeans: Cheap Monday
Shoes: Dr Martens (of course!)
Bag: Zara
Glasses: Ray-ban

See you soon :*

Monday, November, Autumn.

Here we are again con l’ennesimo lunedì dell’anno, che ci separa dalle prossime ferie con un solo mese, da Natale con 47 giorni e da Capodanno..boh questo conto non l’ho ancora fatto. Oggi a Milano è una splendida giornata il che ancora una volta ha portato a farmi prendere a bene questo inizio di settimana che mi vedrà ancora più indaffarata di quella appena passata già a partire da stasera. (Vi accennerò tutto pian piano 🙂 )
Ma la nota sicuramente migliore di questi giorni è che vengono la mia mamma e il mio papà a trovarmi.. non fatemi passare per smielata che poco mi rappresenta, ma come tutte le persone fuori casa è sempre bello poter riabbracciare i proprio genitori e vivere con loro la tua routine, cenare insieme, darsi la buonanotte prima di dormire.

Che ne dite invece del weekend appena passato? Il mio è stato particolarmente rilassante e tranquillo. Sabato mi sono dedicata del tempo per passeggiare in centro e osservare con meraviglia i colori che l’autunno porta alla natura. Nonostante sia una delle mie stagioni più odiate in assoluto devo riconoscere che a livello ambientale è davvero topica! Le foglie che si riversano sulle strade e alberi pieni di sfumature di colori che a volte sembrano quasi dipinti.
Inoltre ho la fortuna di lavorare affianco ad un giardino pubblico quindi posso godermi questo spettacolo praticamente tutti i giorni! Spero solo che il tempo ci riservi ancora giornate soleggiate e limpide come questa settimana passata così da poter apprezzare al meglio questo Novembre e le gradazioni di colore che porta.
Guardate qui che spettacolo!

Processed with VSCOcam with f2 preset

Nonostante ciò la mia stagione preferita rimane comunque la primavera (sarà che sono nata 10 giorni dopo il solstizio?) e la gioia che porta con sè fino a diventare vera e propria spensieratezza in estate.
Voi invece in quale periodo dell’anno vi posizionate? Ditemi la vostra!