Monday, not you again!

Ma come abbiamo fatto ad arrivare già al terzo lunedi del mese senza che me ne accorgessi? Rimane un vero e proprio mistero come il tempo passa così velocemente, soprattutto da quando si rientra dalle vacanze estive..Sembra o no ieri che ci lamentavamo per l’agosto più caldo degli ultimi anni?

Nostalgia a parte, sono contenta di dirvi che il cibo del weekend non mi ha soffocato (anche se c’eravamo quasi) e sono tornata alla riscossa.
Oltre a ingozzarmi e festeggiare ripetutamente la laurea di mio cugino manco fosse una festa patronale, sono anche riuscita a fare un pò di giri e perchè no, un pò di shopping che non guasta mai 😉 nei prossimi giorni vi farò vedere un pò di acquisti, promesso.

Nel frattempo, inizio a condividere con voi un paio di foto dell’outfit che ho sfoggiato sabato sera per la festa. Premetto che da quando ho comprato online questi stivali (il brand è quanticlo) non avevo ancora avuto modo di metterli perchè aspettavo l’occasione adatta e penso di averla trovata! Ci ho messo tantissimo a decidere il giusto look per non sembrare too much ma penso di aver trovato un buon compromesso.

_MG_0027 1p

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ringrazio per le foto e per la disponibilità la bravissima Alessandra De Feudis che non solo mi ha fatto sentire una super model, ma è riuscita a cogliere perfettamente le mie richieste! Ricordate che vi accennavo a nuovi progetti? Ecco, abbiamo iniziato a collaborare quindi avrete modo di vedere altri suoi magnifici scatti tra un post e un altro. Se volete dare un occhio ai suoi lavori la trovate su instagram sotto @sandra_defeudis e ve la consiglio spassionatamente!
Nel frattempo ne approfitto per farmi un pò di pubblicità, e sotto la sezione “contact” trovate tutti i social in cui potete seguirmi se vi va!

Che ne pensate invece dello stivalozzo? Io li adoro! Tra l’altro super comodi, ora che li ho sperimentati una volta non li abbandonerò più, saranno il mio must di questo inverno!

Shopping Troubles

Vi capita mai di comprare tantissime cose e poi sentirvi in colpa? Di solito a me MAI, ma oggi analizzando le volte in cui il mio conto è stato prosciugato, misà che un sentore di rimorso ce l’ho.
Come vi avevo anticipato -e soprattutto come sa tutto il mondo visto quanta pubblicità è stata fatta attorno a quest’evento- oggi c’è stato il lancio della collaborazione Balmain per H&M. Normalmente non me ne frega davvero nulla di queste partnership ma quando a Luglio avevo appreso la notizia sono davvero impazzita! Non è un caso infatti che sia stato fatto tutto questo marketing attorno a Oliver Rousteing e la sua Balmanation, ma poche volte al mondo capita una collaborazione così. La scelta di uno dei brand più influenti nel sistema fashion infatti è stata un’ottima strategia per attirare ancora più acquirenti del solito che hanno fatto file kilometriche e notturne.
Ora, tranquillizzatevi perchè non sono stata una di quelle folli invasate in coda sotto la madunina dalle 2 di notte…MA.
Si, c’è un ma. La novità di quest’anno è che si poteva acquistare la collezione anche online! Appena l’ho scoperto ho pensato : vabbè, ho svoltato..stupidi voi che passate ore in fila al freddo. Questa mattina tutto sembrava andare nel verso giusto, fuori c’era il sole e io ero pronta a sintonizzarmi sul sito e aggiungere ogni cosa nel carrello, valutare ciò che mi piaceva di più ed effettuare l’acquisto più desiderato degli ultimi mesi. E INVECE.
Metto piede in ufficio, levo il cappotto e nel mentre accendo la mezza carretta che ho come computer, apro chrome, digito http://www.h&m.com e..tadadadà!
Mi si apre una schermata che avrebbe destabilizzato l’umore di chiunque :

“A causa dell’altissimo interesse nelle nostre ultime collezioni, la tua richiesta è stata messa in coda. Stiamo lavorando per darti l’accesso al più presto possibile. Prova di nuovo!”

Forse scherzi, ho pensato.
Non scherzava manco per il cazzo! Non credo di aver mai cliccato così tante volte refresh su un sito fino a che, con l’umore sottoterra e senza più speranze stavo per abbandonare. Ebbene si. Io, che millanto di avere più determinazione di chiunque altro, stavo per premere quella X in alto a destra fino a quando nel momento in cui meno me l’aspettavo, tra un “FRAAAA” e un altro in studio, si apre di fronte a me la listing page dei prodotti e un messaggio che mi invitava a muovermi nell’acquisto perchè nonostante i pezzi scelti fossero nel carrello non era sufficiente a sperare che fossero già miei. Ecco, ho passato i 15 minuti più stressanti della mia vita, forse paragonabili solo alla sala da parto quando non sei abbastanza dilatata per sfornare un pargolo ma ti si sono rotte le acque da tre ore e non vogliono farti l’epidurale.
Ogni volta che provavo a completare l’acquisto della mia selezione uno dei prodotti scelti non era più disponibile. Il tutto per S E I V O L T E.
Era un continuo :
Seleziona il prodotto, clicca sopra, acquista, taglia s.
Non è stato possibile aggiungere questo prodotto al tuo carrello.
FUCK OFF!
Ma alla fine ce la faccio, porto a termine il mio acquisto, svuoto il mio carrello contenente due prodotti. Sudati, amati, voluti e soprattutto contornati di bestemmie.
Uno di loro è qui, bramato dal primo momento in cui l’ho visto. (Non ve lo dirò finchè non mi arriva a casa! Nel frattempo cercate di indovinare 😉 )

Vabbè, ma tutto questo che c’entra con l’inizio del post? Dov’è il rimorso, chiederete voi. Il rimorso c’è dal momento in cui dopo aver superato di 20 euro il budget prestabilito ed essermi imposta di non sganciare più nemmeno un cent nei giorni, se non mesi a venire -almeno per vestiti- ho passato una pausa pranzo chiusa in una svendita di vari brand tra cui Cheap Monday.
“Vi accompagno ma non compro niente”, dico ai miei colleghi..e fu così alla fine ne uscii con un sacchettino anche io. Nulla paragonato a quanto speso questa mattina ma sufficiente per farmi dire “Forse oggi ho esagerato”.

IMG_0071
Ecco i miei acquisti, che ne dite ne è valsa la pena?
La foto l’abbiamo realizzata nello studio dove lavoro e lo styling è direttamente by Isil ❤ (su instagram la trovate come @isilgun)