WELCOME (or not?) SEPTEMBER

L’inizio delle scuole, le vetrine che si riempiono di maglioni spolverini e stivali, il costume nel cassetto, i parcheggi davanti casa di nuovo pieni, un sabato accompagnato dal diluvio e 16 gradi e una pesantissima dose di depressione addosso.
Ah si, ciao Settembre.
Alzi la mano chi come me sente di non essere mai partito per le ferie.
Alzi la mano chi come me non si è ancora abituato al rientro, al lavoro, alla routine, alla stessa solita vita senza mare tutti i giorni.
Alzi la mano chi come me sta già progettando altri viaggi.
Non ce n’è, nonostante siano parecchi anni ormai che subisco questo trauma non riesco mai a riabituarmi immediatamente al rientro dalle vacanze.
La mia mente continua a vagare tra le spiagge, il mare e il cibo della Sicilia e i miei pensieri sono sempre rivolti a quelle giornate spensierate vissute nel relax più totale.
Peccato che sooner or later bisogna tornare alla realtà, per cui ora siamo qui.
Milano mi ha accolta tendenzialmente bene nonostante un attacco dai piccioni e un sabato che sembrava Dicembre che non mi lasciava altre soluzioni se non un bel giro da Zara con shopping annesso per riprendermi dalla disperazione del rientro.

Nell’attesa del prossimo weekend fuori porta che mi aspetta -finalmente il mio desideratissimo regalo di compleanno- continuo a pensare che in fondo Settembre è il mese in cui tutti hanno il cervello che frulla.
O almeno, il mio frulla un sacco.
Ogni volta che rientro dalle vacanze spero sempre in un cambiamento, una svolta, e continuo a pensare come fare per ottenerlo e confidare in un anno migliore perchè alla fine si sa, l’anno inizia a Settembre..non solo quello scolastico o universitario, l’anno mentale inizia il nono mese su dodici.

E allora non posso fare altro che rimboccarmi le maniche e darmi da fare mentre aspetto una manna dal cielo e mentre riguardo con un sorriso e una lacrima le foto del mese passato.

Processed with VSCO with hb2 presetIMG_2412IMG_2411Processed with VSCO with hb2 presetIMG_2666IMG_2612IMG_2593Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetIMG_2622IMG_2547IMG_2561IMG_2575Processed with VSCO with hb1 presetIMG_2579IMG_2592Processed with VSCO with t1 presetProcessed with VSCO with hb2 presetIMG_255864C2E2FE-A163-4363-8C35-DEE39A72279B

Dreaming of Summer

E poi niente. E’ mattina, la sveglia suona imperterrita e tu con una difficoltà assurda, mentre sei lì che ti rotoli nel letto mugugnando lamenti, scorgi con un occhio semi aperto dei raggi di sole potentissimi entrare dalla finestra e a quel punto non puoi fare altro che tirarti su con fatica. Stropicciandoti gli occhi e stiracchiandoti ti alzi e quei pochi istanti che si susseguono alle abitudini post letto bastano a farti realizzare che è venerdì e mentre dai fornelli il caffè sta per uscire emanando il suo aroma per tutta la sala ti chiedi : ma quanto devo aspettare ancora per portare i cappotti in tintoria e riporli nelle loro buste di plastica fino al loro prossimo utilizzo?

Questo è un pò il mood che ho vissuto tra le 8.20 e le 8.30. Dopodichè mi sono risposta da sola e fiduciosa mi sono detta, vedrai Fra, arriverà questo momento prima che tu te ne accorga quindi inizia a pensare al cambio di stagione e a come muovere tutto il guardaroba invernalissimo fatto di lana e pellicce da Milano a Roma e il gioco è fatto.
Mentre venivo circondata da questi bei pensieri sorseggiando il mio buon caffè però, un flashback al gelo polare di ieri sera post birre di St Patrick mi ha portata alla realtà dei fatti e mi sono detta che forse è il caso di aspettare a fare grandi progetti e vivere day by day quello che il clima ci offre, ma questo non mi vieta di sognare no?

Ecco perchè sono 3 ore che la mia mente è proiettata al mare, alla mia sicilia, all’abbronzatura, alle canzoni estive che ti lasciano il segno e, ovviamente, ai costumi adocchiati in giro che pretendo di avere entro giugno. E’ pur vero però che devo necessariamente mettermi d’impegno e mangiare meno schifezze o l’unica cosa che posso sfoggiare in spiaggia sarà un kaftano largo, lungo e coprente in grado di nascondere ogni cm di grasso accumulato. That’s why continuo a pentirmi continuamente dopo aver esagerato con carboidrati e zuccheri, cosa che già succede ogni giorno ma questa settimana in special modo dopo aver provato finalmente 100 montaditos. Non avendo avuto modo di provarlo nè in Spagna nelle nmila volte in cui sono andata a Barça nè a Roma da quando ha aperto, non potevo lasciarmelo sfuggire anche qui a Milano, per di più davvero a 10 minuti a piedi da casa. E così, spinta dai sensi di colpa e dalla promo che offre il mercoledi di tutto a 1€, ho sperimentato anche lui. Buono, carino, tipicamente spagnolo. Pecca, il girare fra i tavoli per trovarne uno dove poterti sedere. Se sei fortunato ci metti un attimo, se sei sfigato puoi fare il giro del locale anche 10 volte..ma l’attesa ne vale la pena anche solo per provare il panino con crema di cioccolato e oreo. Praticamente trovi la goduria in un cumulo di farina e grassi saturi larga 10 cm.

E comunque per rimediare a tutti i miei sgarri sto continuando il mio percorso con Fittea che per assurdo, con mia grande incredulità iniziale, ha portato risultati inaspettati. Ecco perchè ho deciso di riordinarlo e con il pacco detox anche la bottiglia termica così da poterlo preparare a casa e portarlo con me e assicurarmi di prenderlo tutti i giorni!
Confido nel mio buon senso (e nel mio colon che sono sicura che a breve mi abbandonerà) che riuscirò nel mio intento prima della prova costume.
E a proposito di beachwear, ecco di seguito i miei must-have! (per ora)
Ovviamente sono tutti pezzi che io vorrei con tutto il cuore ma che sicuramente non posso permettermi con le mie poche tette e i miei molti fianchi soprattutto nei costumi interi, per i quali con mio grande stupore dall’anno scorso è rinato un amore infinito. Ne ho comprato uno a luglio con i saldi sul my beloved Asos abbastanza osè e l’ho messo pochissime volte, ma suppongo che l’accoppiata stampa leopardata più scollo fino all’ombelico per essere la prima volta che indosso un costume simile fosse un pò too much. Promesso che ci riprovo quest’anno! E magari gli farà compagnia uno di loro che ne possiamo sapere?

image3xxl (1)image3xxlimage4xxl (1)

E poi quest’anno lo devo finalmente fare. L’ho sempre voluto e mai comprato, ma giuro che mi metto di impegno questa volta per prendere un bikini a culotte proprio come le mie amate pin-up! Ecco alcuni modelli che mi hanno rubato il cuore :
2950-thickbox_default2964-thickbox_defaultimage4xxl

E mentre i miei pensieri continuano ad andare al mare cristallino, domani mi aspetta una gita a Bologna :)! Can’t wait!