ON WEDNESDAY WE WEAR PINK

-24 giorni alla Vigilia

Ci siamo, è’ mercoledi. Il giorno della settimana che mi crea più contrasti emotivi, il giorno che scollina, il giorno che più ti fa sentire vicino al weekend, il giorno “citazione” di uno dei film must della mia adolescenza che è entrato nella storia e in particolare oggi, è il giorno che conclude uno dei peggior mesi ever and so, bye bye Novembre!
Sono pronta a dare il benvenuto a Dicembre anche se qui a Milano, nonostante due giorni di sole meraviglioso, il clima ci ha già pensato a spalancare le porte al mese natalizio. Non so in base a quale teoria ma in questa città ogni volta che arriva il sole porta con se un freddo polare, resoconto del vivere qui? Mai na gioia.

Mentre aspetto in maniera abbastanza frenetica questo venerdi mi preparo psicologicamente alla serata che mi aspetta, in compagnia di una valigia da preparare e di un gatto fin troppo miagolante. Non so voi ma io quando devo fare una valigia per periodi intermedi come una settimana/dieci giorni entro in crisi totale. Quando inizio a prepararla alla fine mi rendo conto che o porto troppo poco o porto troppo. La cosa che di solito mi aiuta e facilita tutto lo sbatti è preparare già dei look abbinati a un singolo capo..esempio più classico: il jeans, che dove lo metti e metti sta bene. Quindi, per ottimizzare lo spazio nell’armadio ambulante e non impazzire di fronte a quello reale a 6 ante prima di uscire, inizio a pensare a cosa abbinarlo. Di solito mi capita di preparare un outfit abbastanza easy con cui uscire il giorno e scegliere qualcosa di più particolare come accostamento per la sera. Ma il vero problema rimane sempre e solo uno, e diciamocelo, non solo in preparazione della valigia. Le scarpe. Quante e quali porto? Se già si è indecisi quando le si ha tutte a disposizione, figuriamoci quando si tratta di sceglierle! Sneakers, tacchi medi, tacchi alti, anfibi..la verità è che, almeno personalmente, ne ho troppe e finisco per usare quasi sempre le stesse ma se mi scatta il pallino di voler mettere quelle nascoste ben bene dietro ad altre 100 scatole nella cabina armadio voglio poterlo fare!
So di essere un caso disperato ma com’è che si dice? Mal comune mezzo gaudio no? So di essere capita da almeno tutte le lettrici 🙂

Lasciando la disperazione che prevedo di patire stasera però, torniamo ad ora. Come accennavo all’inizio e come ormai avrete capito da un pò di post a questa parte, sono diventata una mammoletta amante del rosa. Io, che ero la regina del nero.
Quindi perchè non unire degli scatti top fatti ieri alla frase che ha reso celebre agli schermi  Amanda Seyfried?

953a7938953a7942953a7943953a7951953a7953

 

50 Shades of Red

– 26 giorni alla Vigilia.
Ebbene si! Il countodown è iniziato sia nella mia testa, sia nella lavagna alle mie spalle, sia..no basta perchè quella dolce metà del mio ragazzo non mi ha ancora comprato il calendario dell’avvento Kinder richiesto più e più volte (tanto lo so che lo leggi, quindi corri alla pam!). Le strade si colorano, piazza Duomo bloccata per via della messa in piedi di quell’albero orrendo che si ostinano a fare ogni anno sempre peggio, il mio angolino xmas home made è già pronto, l’idea dei regali sta iniziando a farsi sempre più presente e venerdì si parte. Tutto molto bello, tranne che dopo due giorni di sole oggi è tornato il classico grigiume milanese, ovvio no?

E’ stata una settimana impegnativa, quella passata. Tra eventi più o meno importanti, giorni infiniti di pioggia a secchiate, notizie bellissime, il grande ritorno di “Una mamma per amica”, il black friday e di conseguenza il no tengo dinero saturday, siamo arrivati anche a questa che tanto aspettavo con ansia e che terminerà con l’inizio di Dicembre e quindi l’ultimo mese del 2016. Mi sembra troppo presto iniziare a tirare le somme sull’anno che non se sa come è praticamente già finito quindi per ora mi limiterei nell’organizzazione dei giorni futuri e degli eventi che comportano. Weekend, ponti, battesimi, organizzazione delle innumerevoli cene pre-feste.
E mentre H&M sfodera uno dei mini-movies più belli degli ultimi anni proprio in vista del Natale  (qui il link per chi ancora non l’avesse visto e credetemi, ne vale davvero la pena : http://www2.hm.com/content/hmonline/it_it/free-form-campaigns-s03/7va-come-together.html) oggi vi mostrerò il look con cui ho passeggiato ieri in centro iniziando da zone in cui non mettevo piede da tempo (ciao via della spiga, rimani una delle mie preferite 4ever) finendo in quelle da poraccy -che ci si addice molto di più-.
E così, dopo un grande throwback ai miei 18 anni diamo di nuovo il benvenuto alle foto in colonne! Dato che ci stiamo avvicinando alla festa di Santa Claus, mi sembra inevitabile, nei giorni a venire, dare un’importanza rilevante al color rosso. Ora, so già che guardandole inizierete a pensare “questa è daltonica di rosso non c’ha niente” MA dovete prestare attenzione al fatto che il rosso è il primario, da lui poi ci sono ennemila sfumature! Quindi non state qui a fare i puntigliosi e guardatevi sti scatti su!
Processed with VSCO with f2 presetProcessed with VSCO with f2 presetProcessed with VSCO with f2 presetProcessed with VSCO with f2 preset

Bomber : Primark
T-shirt: H&M
Denim: Bershka
Bag: Vintage- Enrico Coveri
Accessories: H&M
Shoes: Public Desire

Thanksgiving and Black Friday

Anche se siamo in Italia inutile negare che ci sentiamo terribilmente attaccati ai nostri cugini americani sotto qualsiasi punto di vista. Abbiamo iniziato divorando hamburger di McDonalds per diventare schizzinosi e preferirne quelli gourmet, conosciamo più slang americani che nemmeno dialetti italiani, abbiamo deciso di fare nostro persino il bruch e guai a chi ci tocca i pancakes per colazione. Cheesecakes e Red Velvet spopolano tra le pasticcerie e non vediamo l’ora, quando usciamo dall’Italia, di andare da Starbucks per andare in giro col bicchiere fumante pieno di qualche schifezza ben lontana dal nostro caffè con su scritto a pennarello il nostro nome per imitare i newyorkesi dell’Upper East Side. Conosciamo tutti i gossip sulle star di Hollywood e aggrottiamo le sopracciglia quando ci parlano di qualche presunto nome famoso nostrano, le radio sono invase da artisti lontani da noi anni luce e ci dimentichiamo di apprezzare quello che in realtà dovrebbe circondarci quotidianamente e, senza nasconderci dietro un dito, ci siamo dispiaciuti tanto quanto loro per la vittoria di Trump.

Insomma l’America, purtroppo o per fortuna, è ormai la nostra seconda nazionalità.
Ed ecco perchè oggi rivolgiamo ancora di più un grande pensiero oltre ai poveri tacchini, pasto principale della giornata, a tutti gli uazzamerican che, proprio come si vede nei migliori film/serie tv, stanno festeggiando un grande giorno per il paese a stelle e strisce e cioè il Thanksgiving (per italianizzarlo, Giorno del Ringraziamento). So che molti di voi sanno di cosa stiamo parlando ma sono abbastanza certa che altrettanti si staranno ancora chiedendo “ma che cazzo è sto giorno del ringraziamento?”.
Per cui papà, mamma, non temete che ora vi spiego finalmente tutto quanto.

“Ogni quarto giovedì di novembre, sul suolo americano si celebra la festa in assoluto più emblematica per il popolo americano: il giorno del Ringraziamento.
L’origine di questa tradizione risale a quasi 400 anni fa, quando nel 1621 coloni e indiani in Massachusetts si riunirono intorno a un tavolo con l’intento di ringraziare il Signore per il buon raccolto d’autunno. Questa unione di spirito e intenti tra fazioni opposte, lo sforzo di trovare un punto d’incontro per ottenere il bene comune, sono diventati simbolici.
Nel 1863, durante la guerra di secessione, il Presidente Lincoln ne proclamò ufficialmente la celebrazione facendo diventare il Thanksgiving una ricorrenza annuale. Durante il Ringraziamento i commensali non sono solo i parenti, come spesso accade a Natale; ci si riunisce ad amici vicini e lontani, si aprono le porte di casa a colleghi e vicinato.”

Non c’è un vero e proprio corrispondente italiano, soprattutto perchè diciamocelo..noi non siamo abituati a ringraziare quasi mai. Il giorno del Ringraziamento però oltre a essere una vera e propria tradizione in America, è qualcosa da cui dovremmo prendere spunto tutti quanti e anche se noi siamo soliti fare grandi pranzi il sabato o la domenica, impariamo da questa festa a donare grazie.

Un’altra cosa da non sottovalutare è che questa tradizione ne precede un’altra. O meglio, precede un evento che nasce anch’esso in America proprio a seguire il Thanksgiving ma che abbiamo adottato con grande piacere da parte di tutti, soprattutto mio, anche noi abitanti dello stivale. Ebbene si, sto parlando ovviamente del Black Friday. Risultati immagini per black friday
La sua storia ve l’ho già raccontata l’anno scorso e non starò qui a ripeterla da capo ancora una volta ma mi rivolto a tutti gli amanti dello shopping: vi basti sapere che è un giorno a caso della fine di Novembre in cui i negozianti scontano fino al 50% la collezione in vendita. Presente quando fanno le inaugurazioni di qualche attività gastronomica e regalano il cibo e la gente si ammassa pe magna gratis o quando aprono i buffet agli aperitivi? Ecco, le situazioni che si creano fuori dai colossi americani durante il Venerdì Nero (ve l’ho tradotto papale papale eh) sono praticamente casi simili ma estremizzati al massimo e negli ultimi anni tutti si stanno convertendo e partecipando a quest’iniziativa americana proponendoci sconti che vanno dal 20% in su.
Io ho già preparato le wishlist nei miei siti fidati/preferiti quindi dato che oggi mi sento magnanima perchè mancano solo 30 giorni alla Vigilia di Natale, vi elencherò qui qualche sito consigliato dove navigare domani durante questo fiorente giorno di promozioni.

AMAZON : Conosciuto ormai da grandi e piccini, da quando ha deciso di creare il dash button si è conquistato un posto nel cuore di tutti dato che con un solo click su questa macchinetta (senza nemmeno il bisogno di connetterti al sito) puoi comprare dal detersivo della lavatrice ai preservativi. Non offre un codice sconto ma seleziona una serie di prodotti da scontare, nuovi ogni 5 minuti. Per non perdervi nulla rimanete sintonizzati e approfittate di qualcuno di questi per fare bella figura sui regali di Natale!

ZALANDO : preparatevi ad accogliere il corriere tra mille urla proprio come nella pubblicità! Si sono già presi la briga di selezionare tra capi della vecchia e nuova collezione alcuni scontati del 20%. Qui il link diretto alla promozione :
https://www.zalando.it/black-friday/

ASOS : Poi dite che non lo dovrei amare. Con il coupon “gogogo” offrono uno sconto del 20% sia sui prodotti già scontati sia su quelli nuovi. Non fatevelo scappare!

SHEABBIGLIAMENTO : scoperto non da molto ma essenziale per quei capi speciali nel mio guardaroba! Codice sconto : BLACK30

PUBLICDESIRE: Anche lui scoperto non da molto ma ha delle scarpe particolari, comode e a prezzi decisamente nella norma. In più per questa ricorrenza offre uno sconto del 30% inserendo il codice CYBER30. Giusto per sapervi indirizzare, vi dico che il numero corrisponde sempre a quello reale.

FOREVER21: Il 30% sembra essere lo sconto più gettonato! Anche qui ci regalano un bellissimo coupon, EXTRA30 su tutto quanto. E fidatevi, i prezzi sono già parzialmente ridicoli!!

NOPERFECT.EU: Anche loro scelgono il 30% sulla loro collezione. Per quelli un pò punkettari alternativi come me vi basta un solo click!

ANIYEBY: per imitare le sorelle Valli su Instagram e sfoggiare qualche abito precedentemente indossato da loro non lasciatevi scappare a s s o l u t a m e n t e gli sconti del 30%, valido solo per la giornata di domani!

NAKDFASHION: sempre per non essere da meno alle Influencer di Instagram,  scegliete questo weekend per comprare su questo sito super super fashion usando il codice BLACKWEEKEND per avere il 25% di sconto su tutti gli articoli!

E a questo punto non mi resta che dirvi, carte di credito alla mano e buono shopping!!

 

Back to Black

Purtroppo -o per fortuna- siamo giunti all’ennesimo lunedì del mese in cui il risveglio è traumatico dopo un weekend passato a non fare assolutamente nulla se non oziare a casa e spaccarsi di Sky, ora che finalmente anche io ce l’ho.
L’unico punto a favore, e giusto perchè ne voglio davvero trovare uno, è che si sta avvicinando il Natale e le mie mille partenze per tornare a casina. Manca meno di un mese, le vie e le vetrine stanno iniziando a riempirsi di luci e probabilmente dovrei anche iniziare a pensare ai regali da fare ma finchè non scatta Dicembre rimane solo un’ipotesi.

Intanto Novembre continua a passare tra compleanni, giornate uggiose, freddo, gambe che non smettono di prudere e rimedi per risolvere lontani anni luce, svendite -e grandi affari- ,voglia di non fare niente, organizzazioni infinite delle settimane e mesi a venire e countdown. La voglia di partire e visitare/scoprire posti nuovi si è oramai insediata dentro di me e non si sposta nemmeno se la tirano su con la gru..non vedo l’ora arrivino quei mesi che sembrano così lontani ma allo stesso tempo già lo so che quelli che distano passeranno velocissimi, o almeno lo spero.
Mese di collaborazioni dato che dopo Kenzo/H&M, sabato ha esordito Jean Paul Gaultier for OVS e mi dispiace deludervi ma per questa non ero molto entusiasta, soprattutto dopo aver visto i prezzi. Mese di finale della serie rivelazione dell’anno e ovviamente parliamo di Jude Law nei panni di Pio XIII in “The Young Pope”. Mese del Black Friday -prossimo venerdì- e quindi, come dice il nome stesso, mese del BLACK.
Anche se negli ultimi post mi avete vista cambiare colori come se non ci fosse un domani passando dal rosa, meravigliosa new entry nel mio guardaroba, al giallo, color cammello e così via non potevate mica aspettarvi che sarebbe durata a lungo. E quindi eccolo qui, un  grande ritorno al mio colore, l’unico che mi identifica davvero specialmente d’inverno quando il clima è inevitabilmente una merda e il mio umore uguale, di conseguenza.

Ne approfitto anche per mostrarvi uno dei miei nuovi acquisti, che avevo adocchiato online e che stranamente sono riuscita a trovare in negozio. Sarà che è da questa primavera mi sono fissata coi capispalla, sarà che ultimamente ne fanno sempre di fighissimi, io non lo so. Fatto sta che lui non potevo di certo lasciarmelo sfuggire!

Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb1 presetProcessed with VSCO with hb1 preset

Jacket/Dress/Necklaces : Bershka
T-shirt: Zara

Camel light please

Non sono desaparesida, sono solo stata occupatissima tra weekend impegnativi passati a passeggiare, amare il sole, mangiare, passeggiare, odiare la pioggia, mangiare, lunedi freddi e martedi di febbriciattola e pensieri, non avete nemmeno idea di quanti.

Mi sono goduta per una settimana intera i miei che purtroppo oggi sono ripartiti e tutte le conseguenze del caso, cene pronte e coccole a volontà. Sabato abbiamo approfittato della meravigliosa giornata di sole che Milano ci ha stranamente concesso per fare un bel giro in centro tra fiumi di gente e piccioni che hanno messo a repentaglio la mia vita ogni passo e perchè no, per fare un pò di sano shopping.
Totalmente l’opposto invece domenica, che ha incarnato perfettamente la descrizione di lazy sunday specialmente d’inverno: sveglia tardi, doccia, felpone e via, direzione leroy merlin e ikea. Vi sento già mentre pensate “pover uomo che ha dovuto accontentarla portandola nel paradiso delle stronzate/chissà quanto l’avrà fatto snervare”. E invece no! E’ stato più il tempo a raggiungere i due colossi della casa fai da te che quello in cui siamo stati effettivamente dentro. Ovviamente vedendo la classica domenica buia e uggiosa metà città si è riversata all’interno di centri commerciali e quant’altro quindi per strada c’era praticamente il delirio misto a strade chiuse, lavori e chi più ne ha più ne metta ma siamo sopravvissuti anche a questo, tornando a casa con quello che ci serviva e in più inaspettatamente un lampadario nuovo, tipo meraviglioso.

Mentre ascolto ininterrottamente il nuovo album degli OneRepublic di cui mi aspetto un concerto per allietare il mio 2017 che è già parzialmente occupato da biglietti di treni e aerei, da alberghi prenotati, da tante cose che spero si realizzeranno, vi linko il mio nuovo articolo scritto per il magazine Pepite Per Tutti, di cui vi avevo già parlato e con cui sto collaborando scrivendo articoli di moda 🙂

L’argomento trattato stavolta è come potersi vestire d’inverno senza sembrare l’omino Michelin che si è appena mangiato 30 panettoni per preparare la sua panciona al pranzo di Natale. So che siete increduli ma c’è il modo e basta fare un click per scoprire i miei consigli che spero vi aiutino a superare questi mesi che dicono essere i più freddi degli ultimi anni.

Nel frattempo, dato che so che non avete voglia di fare niente e vi pesano le dita anche solo per un click sul link, vi mostro in queste foto alcuni dei pezzi forti dei miei ultimi acquisti di cui vado molto/troppo fiera. Di alcuni di questi vi avevo già parlato, alcuni facevano parte di una wishlist altri ancora senza accorgermene me li sono trovati nella busta.
Quello che conta veramente però è la cromia che nemmeno a volerlo si intona alle foglie autunnali che tappezzano il paesaggio. Camel power!

Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetCoat: Primark 
Sweater: Forever21
T-shirt: Kenzo x H&M
Denim: Bershka
Socks/Necklace: H&M
Sunglasses: Mango

Black and Yellow

Che poi non volendo questo titolo richiama un pò il mood di Novembre se ci pensiamo. Un giorno il cielo fa cagare, è grigio tendente al nero e praticamente vivi la giornata con una luce paragonabile a quella delle 9 di sera, quello dopo il sole ti cieca senza rendertene conto e il cielo è limpidissimo senza ombre o nuvole. E fortuna vuole che oggi sia una di quelle giornate lì, in cui nonostante il freddo arriva prepotente e ti punge nell’anima, questo giovedi non fa altro che offrire una luce pazzesca che quasi ti fa pentire di essere rinchiuso in queste mura aziendali e non poterne usufruire con qualche bel giro all’aria aperta.

Mentre cerco di organizzare questo weekend per godermi al meglio i miei che sono gentilmente venuti a farmi visita preparo articoli e sono sintonizzata h24 su siti di compagnie aeree/treni/qualsiasicosamipermettadiviaggiare. Mancano all’incirca una cinquantina di giorni alla fine di questo 2016 e mi sembra troppo presto per tirarne le somme. Mi sembra invece il momento giusto per iniziare a programmare qualsiasi cosa mi venga in mente per i mesi primaverili e quindi l’idea di possedere già parecchi biglietti non può fare altro che rallegrarmi..almeno questa di gioia concedetemela dato che il freddo non fa altro se non portarmi raffreddore, di nuovo quella fastidiosissima allergia alle gambe, capelli elettrici e mani secche.
Nota positiva di tutto ciò: urge necessariamente comprare nuovi pantaloni larghi per ovviare a questo tremendo problema e ovviamente mi sono già fatta un’idea spulciando nei vari siti per cui questo sabato sarà dedicato interamente a questa disperata ricerca.

E proprio visto che ormai ogni scelta di look è necessariamente condizionata da questo tremendo e irrefrenabile prurito alle gambe, vi mostro l’outfit che ho scelto ieri, molto basico e non appropriatissimo al clima, ma che comunque mi ha resa parecchio soddisfatta soprattutto quando ho sostituito il mio cappotto col rennino del buon Paolo!

img_9637img_9638

Autumn

Siamo tornati alla routine, ai lunedi che non precedono nessun giorno di festa, al mal di pancia post weekend, alle madonne volanti. Il tutto con l’unica differenza che nonostante si stia iniziando a gelare veramente perchè le temperature hanno ben deciso di fare una calata a picco verso lo zero, il sole oggi illumina la città splendendo alto nel cielo totalmente azzurro! Finalmente direi, dato che le uniche gioie di cui uno può usufruire durante il fine settimana sono totalmente stroncate dalla pioggia che lo contraddistingue sempre e comunque.
Come previsto le vie iniziano a riempirsi di festoni natalizi e la sola idea che tra un mese sono nella mia amata città per un ponte parecchio lungo non può far altro che emozionarmi a tal punto da iniziare l’ennesimo countdown della vita verso tale data ❤

Mentre si progettano viaggi da affrontare nel 2017 inoltrato con mete diversissime l’una dall’altra, il presente è caratterizzato più che altro da wishlist fra scarpe/borse/qualsiasi cosa che occupa spazio nell’armadio ma si sa, tra un pò è Natale quindi potrei iniziare a scrivere la mia letterina nella speranza di ricevere almeno qualcuno dei pezzi che ora di un mese si saranno triplicati, conoscendomi.
E visto che ogni volta vi accenno le cose che compro senza mai mostrarvele tutte, oggi mi sento magnanima e condividerò con voi l’acquisto che ha vinto senza ombra di dubbio il premio come Best Of October, colui che mi ha fatto innamorare al primo sguardo, colui con cui ho avuto il colpo di fulmine più grande della vita, colui che o lo ami o lo odi, LA GIACCA COLLEGE CON LE MANICHE IN PELLICCIA BICOLOR. Ebbene si, non saprei come altro descrivervelo quindi ora ve lo beccate nelle foto che mi ha fatto il buon Paolino venerdì tra una miriade di foglie.

952a9829952a9848952a9842

 

Welcome November!

La settimana con un giorno di festa in mezzo dovrebbe essere una priorità annuale soprattutto perchè non te ne rendi nemmeno conto e in un attimo è già giovedì e anche se fuori fa freddo ed è iniziato Novembre, ti sei svegliata coi nervi girati per un sogno di merda, è tutto molto bello.

Ora che abbiamo superato anche Halloween aspetto solo di vedere la città che inizia a riempirsi di lucine, addobbi natalizi e quant’altro pronta a prepararsi per uno dei miei periodi preferiti dell’anno ❤
MA dato che devo aspettare questo momento idilliaco per un mese e passa ancora, mi accontento delle giornate che seguono purtroppo all’insegna di nessun viaggio, nessuna gioia, mai n’emozione e uno spiraglio de sole.
Fortuna vuole che almeno martedi, che per di più era festa, il tempo è stato clemente e passeggiare in giro per Milano non è stato poi così terribile anche se devo ancora abituarmi al fatto che alle 5 inizia a far buio e questa destabilizza non solo la mia testa ma anche il mio stomaco che si è appena ripreso da Berlino ma non sa più quand’è l’ora idonea per cenare.

Ma dato che è giovedì ci aspetta un rapido #throwback a una settimana fa, proprio nell’unico giorno in cui il tempo era davvero spettacolare per cui ne abbiamo approfittato per fare un pò di scatti in un parco trovato qui vicino che grazie ai raggi di sole offriva delle sfumature autunnali su alberi, cielo e foglie che non ve lo dico nemmeno! Non so come definire il look che vi sto per mostrare ma devo dire che ne ero particolarmente soddisfatta soprattutto perchè la maglia è in parte una mia creazione e i pantaloni mi regalano un culo top!
Processed with VSCO with hb1 presetProcessed with VSCO with hb1 presetProcessed with VSCO with hb1 presetProcessed with VSCO with hb1 preset

T-shirt: Zara Basic with patches by GlossShop (la trovate su instagram!)
Cardigan: Asos
Trousers and Chocker: Brandy Melville

Ah, quasi dimenticavo! Sono riuscita nel mio intento shopping Kenzo x H&M senza nemmeno troppe difficoltà quindi aspettatevi grandi scatti con i nuovi prodotti che arriveranno a breveee!!