Month Of May

Che poi non capisci nemmeno come ci arrivi al 30 Maggio dato che il countdown per giugno segnava -4 mesi fino all’altro ieri..la previsione che sarebbe iniziato e finito in uno schiocco di dita c’era ma non mi sarei mai aspettata fino a questo punto.
Ti fermi a pensare a cosa sia successo in questi 30 giorni e:
– finisce aprile imprecando perchè il primo maggio è domenica e addio giorno di ferie.
– organizzi intere settimane di lavoro per poi smontarle in 30 secondi.
– scendi a casa per il weekend, trovi un tempo pazzesco e ne approfitti per fare shopping di scarpe e foto su foto come se non ci fosse un domani, improvvisi cene in cui parli del più, del meno e ti trovi coinvolto in discorsi sulla teoria dell’evoluzione di Darwin (senza nemmeno esser ubriaco)
– torni a Milano e tra un allenamento e una pratica di yoga ricevi chiamate che ti costringono a prendere il primo treno per tornare a casa. temi il peggio ma alla fine tutto ri risolve nel migliore dei modi e guess what? Diluvia, il tutto per armonizzare il tuo stato d’animo già precario.
– ritorni a Milano e pensi : ah quindi io venerdì parto per Ibiza? E’ già arrivato quel momento? E così passi i giorni che precedono la partenza tra estetista, palestra (certo, perchè un giorno di boxe sicuramente ti aiuta a rimetterti in sesto prima della prova costume) valigia e organizzazione del lavoro per i giorni in cui non ci sei.
– arriva il fatidico giorno, parti, arrivi a Ibiza ed è improvvisamente nuvolo. Non vedi l’ora di arrivare in albergo per poter mangiare qualcosa e alla fine ti accontenti di una raw cake alla carota e non sai se interpretarla come pranzo o merenda. Ti spiaggi sui lettini a bordo piscina e decide di uscire il sole quando devi per forza salire a cambiarti per l’aperitivo.
E’ sera, geli e realizzi che tutti gli outfit che hai portato sono uno più cannato dell’altro e che probabilmente patirai il freddo per tutte le sere a venire. Passi le giornate pensando al nulla più totale, solo a metterti in costume e abbronzarti. E invece è sabato pomeriggio e passi le ore in giro per S. Eulalia a patire il caldo e cercare di affrontare le prove che ti sono state assegnate conoscendo persone più fuori di testa di te. Muori di fame (si, di nuovo) e ti accontenti di pranzare con un gelato mentre sai gia che avresti dovuto mangiare una pizza dato il probabile digiuno serale causa sushi. Sei impaziente di sentire Bob Sinclair e poi in realtà scopri che il suo djset fa cagare che più cagare non si può. E’ domenica e organizzano una giornata al mare che se andavi a Ostia era meglio ma il sole nascosto ti ustiona a dismisura e quando torni in albergo non sai con che grado di acqua lavarti perchè hai il corpo fuxia e brucia dappertutto. Passi una serata in un vecchio zoo tra tigri-pelouche, capi tribù, grigliate e free drink regalati ad altri.
Arriva l’ultimo giorno, finalmente libero, e approfitti del tempo che hai a disposizione per visitare finalmente una spiaggia come si deve. Mangi in una terrazza sul mare mentre il vento ti blocca la digestione, prendi un taxi di fretta e furia per tornare in albergo e visiti il quartiere comprando gadget. Vai in aeroporto e scopri che il volo ha un’ora di ritardo. Say what? Non sai più cosa fare per ottimizzare il tempo ma alla fine arriva mezzanotte e finalmente ti imbarchi. Unico desiderio? Dormire fino all’alba del giorno dopo e invece l’alba la vedi quasi dalle finestre di casa dato l’arrivo alle 3 del mattino e nemmeno la sveglia alle 11 aiuta il tuo cervello a riprendersi.
– Ricomincia il solito tram tram ma ormai sei completamente proiettato nei mesi estivi. Shorts e sandali fanno da padroni e approfitti di ogni momento libero per metterti al sole e assorbire tutti i suoi raggi.

Processed with VSCO with hb1 preset

Una lezione di yoga si alterna a un aperitivo evento in uno dei negozi più cool della zona Isola di Milano -che avevo già svaligiato a fine marzo- a una lezione di boxe a un’altra valigia da preparare.

Processed with VSCO with hb1 preset

– Rientri da un weekend al mare e ne vuoi necessariamente un altro. Cosa c’è di meglio di approfittare della casa del tuo ragazzo in Toscana per farlo? E allora finisci di allenarti, torni a casa a lavarti e ti metti in macchina mentalmente preparato alla giornata di mare di sabato con amici che non vedi da tempo. Chiacchiere, risate, fraintendimenti, coincidenze, sole a picco e cene di pesce in cui pensi abbiano sbagliato a fare il conto.

E poi cosa succede? Che vai a letto abbronzato e felice della giornata passata pensando che il prossimo weekend non puoi godertelo al mare perchè sei testimone del matrimonio dell’anno ma che almeno ti accompagnerà il sole del mese di Maggio e poi ti svegli con dei nuvoloni pazzeschi. Vabbè, sarà solo per oggi no?

E invece oggi è lunedì 30 Maggio, il countdown è arrivato a -2 giorni, apri gli occhi ed è buio, esci e non basta nemmeno l’ombrello a ripararti dal diluvio universale che c’è fuori e pensi a una settimana fa quando a quest’ora respiravi sale marino e decidevi qual era la foto migliore da postare su Instagram per far rosicare la gente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...